L'UCAI dedica una retrospettiva a Lia Favero In evidenza

Sarà inaugurata il 18 gennaio.

Mercoledì, 15 Gennaio 2020 10:31

Sabato 18 gennaio si inaugura alle ore 17.00, al Circolo Culturale “A. Del Santo”, la selezionata retrospettiva della pittrice Lia Favero. La mostra, visitabile sino all' 1 febbraio (dal martedì al sabato, dalle 17.30 alle 18.00), sarà introdotta dallo scultore Fabrizio Mismas.

 


Di seguito il testo del critico Valerio P. Cremolini, curatore della mostra.

Serena, entusiasta, disinvolta

Con plauso unanime è stata accolta dai soci dell’Ucai la proposta di inserire nella programmazione annuale doverosi omaggi espositivi alle artiste ed agli artisti scomparsi che hanno onorato con il loro impegno la pluridecennale storia dell’associazione, che il 19 dicembre 1987 si è ancor più concretamente aperta alla città con l’inaugurazione in questo spazio dell’interessante ciclo di lavori Gente nell’Evangelo dello stimatissimo pittore Bruno Vasoli (1924-1990). In quella circostanza ebbi modo di definirlo “artista sensibile, colto e concreto”. Argomentava meglio di me l’indimenticabile padre Graziano De Filippi come “la comunicazione del messaggio che ha acceso l’ispirazione di Vasoli non è immediata poiché viene da profondità che hanno conosciuto il soffrire; la riduzione del segno al puro essenziale ci fa andare oltre l’espresso, come accade per le grandi opere che innescano giochi d’intelligenza e spazi autonomi di pensiero”.

Alla pittrice Lia Favero (1929-2002), già vice-presidente dell’Ucai spezzina, sono rivolti affetto e considerazione e la retrospettiva ospitata nella sede del Circolo Culturale “A. Del Santo”, dove ha esposto in mostre personali, condividendo, inoltre, innumerevoli rassegne collettive, vuole rappresentare un attestato di amicizia e di ribadita stima.

Nel corso della sua esperienza essa si è resa testimone del ruolo dell’arte, tramite speciale per indagare il mistero dell’uomo e del mondo, non trascurando le sollecitazioni della realtà sociale e, in particolare, “il valore attribuito alla persona, alle cose e all'ambiente, strumenti indispensabili per l'affermazione del regno di Dio”. Nella specificità dei temi sacri, in più occasioni, ha realizzato opere diffusive di quello spirito cristiano che l’arte ha espresso magnificamente durante i secoli, concorrendo ad affermare la dimensione missionaria dell’artista nel testimoniare la propria fede, che nel vissuto della Favero ha rappresentato un’inderogabile esigenza.

In altra circostanza, ripercorrendo il suo cammino, ho evidenziato le peculiarità della sua pittura “priva di sbandamenti, sostenuta dalla conoscenza delle tecniche artistiche, dalla capacità di misurarsi autonomamente con i linguaggi dell'arte, da una vivacità espressiva con la quale la pittrice trattiene emozioni e nostalgie di ieri e di oggi”. La Favero ha dato visibilità di ciò nella sua pittura ordinata, spontaneamente semplice, mentalmente pura, talvolta partecipe nell’area non figurativa, apprezzata in numerose sedi espositive e destinataria di qualificati riscontri critici.

Renato Righetti (1910-1990), stimato poeta ed ascoltato critico d’arte, rilevava nella pittura della Favero la conquista di “una raggiunta individualità che è il traguardo più alto a cui un artista possa tendere purchè il suo lavoro rispecchi in ogni momento se stesso e la verità del suo sentire”. Gustosi per la sensibile luce dei colori, i suoi dipinti esprimono un senso di ordine, di purezza mentale e di non forzata semplicità.

Di Lia Favero ho buoni ricordi, ma amo rivederla, nel giugno 1986, serena, entusiasta e disinvolta, sicura dei propri mezzi, mentre dipingeva in piazza Brin, seduta su una panchina, in occasione di una indimenticabile estemporanea, organizzata nell’ambito delle celebrazioni per il centenario della Parrocchia della Scorza, la bella chiesa con la quale, attraverso la sua leggera tavolozza, continuava il dialogo avviato da lungo tempo.

I promotori di questa mostra, oltre agli aspetti strettamente attinenti alla comune adesione all’Ucai, si sono proposti di attualizzare e di rendere più estesa la conoscenza della pittrice, la cui testimonianza artistica è bene non sia trascurata dalle più giovani generazioni.

Valerio P. Cremolini

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...
Ucai

UNIONE CATTOLICA ARTISTI ITALIANI
Circolo culturale "ANGIOLO DEL SANTO"
Via don Minzoni, 62  19121 LA SPEZIA

www.ucainazionale.net/

Ultimi da Ucai

In memoria di Massimo Battolla. Leggi tutto
Ucai
Con una collettiva online. Leggi tutto
Ucai

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa