"Santa Rita and the Spiders from Mars" a Fuori Luogo In evidenza

Di e con Marco Cavalcoli Fanny & Alexander un reading tra David Bowie e Paolo Poli

Sabato, 18 Gennaio 2020 15:11


Continua sotto il segno dell'invenzione e del surrealismo questa straordinaria edizione di Fuori Luogo, percorsi di teatro contemporaneo nel presente, progetto dell'Associazione Gli Scarti in partnership con Balletto Civile, Associazione Scena Madre e Casarsa Teatro e in collaborazione con i comuni della Spezia, Lerici, Sarzana e Santo Stefano di Magra.
Dopo il grande successo di Irene Serini con il suo Abracadabra, - incantesimi di Mario Mieli, intellettuale ribelle e personalità raffinata e complessa, tocca ad un altro grandissimo artista della scena teatrale contemporanea misurarsi con il pubblico di Fuori Luogo con un reading davvero fuori dal comune, a partire da testi di Paolo Poli e David Bowie.
Marco Cavalcoli presenta “Santa Rita and The Spiders from Mars”, un lavoro che parte da testi di due personaggi istrionici, due artisti che hanno saputo, nei rispettivi ambiti, inventare nuove forme e nuove direzioni artistiche in un costante trasformismo in grado di ridisegnare il tempo vissuto: Paolo Poli e David Bowie.
In una sorta di intervista/dialogo impossibile tra Paolo Poli e David Bowie, incastonata in una ipotetica trasmissione radiofonica o televisiva, la serata rivela l'anima, il carattere, l'unicità e la radicalità artistica di due inventori che hanno lasciato un segno anticipatore sui tempi presenti e futuri. I due artisti rivivono in scena attraverso l'impronta stampata in eterodirezione sull'attore Marco Cavalcoli, che riceve in cuffia le voci dei due artisti e ne restituisce la presenza vibratile.

Lo spettacolo nasce da un’idea del critico e giornalista Rodolfo di Giammarco, che ne ha presentato il debutto all’interno dell’edizione 2017 della rassegna Garofano Verde, e che così commenta: «ho pensato a Poli e a Bowie, ai trentadue denti brillanti che hanno sempre sorriso sulle bocche di questi due, che, poi, sono morti precisamente uno a distanza di un anno dall’altro. Ecco, questi due se ne sono fregati: dei geni, dei pubblici. E hanno fatto tantissima cultura».

I due sembrano apparire sul palcoscenico, vivificati ora dalla gorgia fiorentina di Poli, ora dall’inglese sospirato di Bowie, che Cavalcoli propone quasi come se fosse una radio sintonizzata su due frequenze. Eccoli davanti agli occhi degli spettatori: sarcastici, acuti, provocanti e provocatori come sempre. Due signori del palcoscenico accomunati dall’abilità camaleontica di vestire con immancabile eleganza i panni dell’alterità, dello sconfinamento di genere che finisce per rendere irrilevante la stessa distinzione maschile-femminile.
La scelta di riportare “alla vita” questi due personaggi attraverso la pratica dell’eterodirezione non è casuale, come dichiara Marco Cavalcoli: «Loro praticavano un gioco di sovrapposizioni di identità e io, portandolo in scena, l’ho fatto mio. Questa affermazione mi descrive fin dagli inizi; ricordo che, quando lavoravo con Teatrino Clandestino, Pietro Babina ci chiese di svolgere un percorso personale e io portai avanti un lavoro in cui scomparivo: ero solo voce [...] Da diversi anni lavoro con Fanny & Alexander sulla pariteticità dei vari elementi che compongono lo spettacolo. Considero un suono, una luce o uno spazio come compagni di scena, non come commenti a ciò che accade ma come elementi che si pongono sullo stesso piano dell’attore, del testo e della regia». E conclude: «Il teatro è una scatola magica in cui è possibile far convergere con libertà le arti. Questo prima era un esperimento, un’azione avanguardistica, adesso è realtà». È in questa scatola magica che si danno – e ci danno – appuntamento due fra i più grandi artisti del Novecento.

CONSIGLIATA LA PRENOTAZIONE
tel 375- 5714205 mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
o direttamente dal sitowww.fuoriluogoteatro.it/biglietteria
Biglietti acquistabili anche online su Vivaticket

DA QUEST'ANNO I POSTI SARANNO NUMERATI!
Saranno disponibili pagamenti tramite POS
Si potranno utilizzare i bonus cultura CARTA DEL DOCENTE e 18 APP

BIGLIETTI SINGOLI:
intero: 16€ - ridotto convenzionati: 13€ - ridotto under 30: 10€ - studenti: 5€
I ridotti convenzionati sono riservati agli iscritti ai laboratori e corsi Scarti, e agli abbonati per gli spettacoli fuori abbonamento.
Orari biglietteria Il Dialma - Cantiere Creativo Urbano
lun-ven 9.30-12.00
Biglietti acquistabili anche presso
Teatro degli Impavidi, IAT Sarzana, Biglietteria Teatro Civico.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Sospensione anche delle manifestazione pubbliche di qualunque natura. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
"130 contagi in Italia, e in così pochi giorni, sono un numero elevatissimo". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa