Alla scoperta della Spezia scomparsa con il nuovo libro di Gino Ragnetti In evidenza

“Fantasmi. Città, paesi e borghi scomparsi in provincia della Spezia” pubblicato con le Edizioni Giacché, è da oggi in libreria.

Domenica, 08 Novembre 2020 13:10

È un autentico viaggio nel tempo, quello che ci propone Gino Ragnetti nel suo nuovo libro “Fantasmi. Città, paesi e borghi scomparsi in provincia della Spezia” pubblicato con le Edizioni Giacché, e da oggi in libreria. Tra carte antiche, foto e rilievi, possiamo avventurarci cercando un po’ all’Indiana Jones, annusando tracce e scorgendo tra il verde ruderi di un antico passato, o visitando paesi abbandonati ancora integri ma vuoti e silenziosi.


Itinerari che possiamo fare seguendo le cartine di cui è corredato il testo, oppure soltanto immaginare, chiudendo gli occhi e facendoci guidare dal racconto dell’autore, a metà tra storia e leggenda.
Barbazzano, Albareto, San Vito, Cacinagora, Cignano, Zoaro... «Sono nomi di fantasmi, silenziose testimonianze di vite lontane perdute per strada nell’inseguirsi dei secoli. Questo è il racconto di tante storie, storie di comunità che vivevano sulle riviere, o sulle montagne o nelle valli di quella che è l’odierna provincia della Spezia e che oggi non ci sono più, forse qualche rudere coperto dal bosco, o forse niente» spiega Ragnetti nella premessa.

Un testo corposo e ricco di notizie, per chi vuol conoscere a fondo la nostra provincia, che spazia dai ritrovamenti della preistoria, ai siti romani, ai castelli, torri, borghi, chiese e ospitali medievali e poi via via a seguire nei secoli, per arrivare fino a noi con la memoria del paese di San Vito, demolito ad opera del Regno d’Italia, o ai ritrovamenti delle necropoli di Limone Melara negli anni del dopoguerra. Un volume che si legge come un romanzo, spaziando tra le curiosità e le leggende legate al territorio, spesso sanguinarie come quella del monaco assassino delle Cento Croci o quella della malvagia castellana di Marola.


«Anche se non mancano ricerche su territori che non appartengono alla nostra provincia, ma che ad essa sono legati per storia e per collocazione geografica (si vedano le trattazione dell’hospitale di Petra Colice nel comune di Castiglione Chiavarese o quella della necropoli degli antichi liguri a Genicciola nel comune di Podenzana), con questo lavoro – sottolinea il professor Sergio Cozzani nell’introduzione – Ragnetti dimostra ancora una volta, l’amore per il nostro golfo, la città e l’intero territorio provinciale.»


Un racconto che comincia però con una novità assoluta: i resti di un misterioso “villaggio” – battezzato Costa Sarron – alle pendici del Monte Santa Croce, a due passi dalla città, scoperto e fotografato dall’autore, e del tutto inedito.

Il volume di 376 pagine è in vendita in libreria e in edicola al prezzo di € 19,90.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Luigi Morgillo commenta i risultati delle ultime elezioni amministrative, deludenti per il centrodestra. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
In Liguria 58 nuovi positivi a fronte di 3.021 tamponi molecolari, a cui si aggiungono 9.927 tamponi antigenici rapidi Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa