Verso la Pasqua: il messaggio del vescovo Luigi Ernesto Palletti In evidenza

 La Pasqua è alle porte e il vescovo diocesano lancia un messaggio ai fedeli.

Sabato, 27 Marzo 2021 18:36

Riceviamo e pubblichiamo il messaggio del vescovo diocesano Luigi Ernesto Palletti: "Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove è Cristo, seduto alla destra di Dio" (Colossesi 3, 1): così l’apostolo Paolo si rivolge ai Colossesi. Non è l’invito ad abbandonare le proprie responsabilità, ma l’esortazione a leggere ogni momento della nostra vita alla luce dell’evento decisivo per la storia dell’uomo, la risurrezione di Cristo. Anche quest’anno siamo giunti alla celebrazione della Santa Pasqua. L’esclamazione "Cristo è risorto; sì è veramente risorto", che per i cristiani, soprattutto in Oriente, diviene il saluto più bello e significativo da rivolgere nel tempo pasquale, deve rianimare il nostro spirito.

Stiamo vivendo ancora nell’emergenza sanitaria a causa dell’epidemia da Covid-19. Il dolore e la sofferenza fisica, spirituale e morale continuano a segnare i corpi e le anime di molti nostri fratelli e sorelle. Le preoccupazioni economiche e sociali non mancano. La solidarietà si fa sentire nel cercare di assicurare vicinanza e prossimità e la scienza sta facendo grandi passi per debellare questo virus. Tuttavia il cuore dell’uomo non cessa di cercare un senso ancora più profondo alla propria esistenza. Come credenti siamo esortati a dare testimonianza alla speranza che è in noi. A riscoprire la bellezza del Vangelo. La Parola di Dio è vera luce, capace di dissipare le tenebre del nostro cuore. Ciò che è risuonato nella vita dei primi discepoli e che fedelmente ci hanno trasmesso non può essere tenuto come un tesoro privato: "Quello che era da principio, quello che noi abbiamo udito, quello che abbiamo veduto con i nostri occhi, quello che contemplammo e che le nostre mani toccarono del Verbo della vita ... noi lo annunciamo anche a voi, perché anche voi siate in comunione con noi" (1.a Lettera di Giovanni 1, 1.3). Anche noi siamo chiamati ad annunciare il cuore della nostra fede, a diffondere il "buon profumo di Cristo" (cf. 2.a Lettera ai Corinti 2, 15), ad annunciare un Dio di misericordia che, nella chiarezza di ciò che è bene e di ciò che è male, si accosta ad ognuno di noi per offrirci cammini di conversione sincera e concreta.

E tutto ciò lo fa con quella pazienza che sa attendere con perseveranza di Padre, così come ci viene narrato nella parabola del Figlio prodigo. Il suo è un amore che previene e accompagna. Infatti "Dio dimostra il suo amore verso di noi nel fatto che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi" (Romani 5, 8). È un amore di gratuità. Questo non ci dispensa, però, dal dare la nostra risposta libera e cosciente. A noi, come ai suoi primi discepoli, viene rivolta ancora una volta quella parola che interpella: "Se vuoi essere perfetto ... vieni! Seguimi!" (Matteo 19, 21). Cristo, con la sua grazia, libera la nostra vita dal peccato, ma nel contempo esige un’adesione di fede a lui. Ecco perché diviene fondamentale un rinnovato annunzio evangelico, come anche un attento ascolto del Signore che parla. San Paolo ce lo ricorda nella lettera ai Romani: "Come crederanno in colui del quale non hanno sentito parlare? Come ne sentiranno parlare senza qualcuno che lo annunci?" (Romani 10, 14). Nel contempo anche la testimonianza della vita dev’essere ripresa in tutta la sua forza: "Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri" (Giovanni 13, 35).

Molti sono gli impegni e i gesti concreti di carità: riscoprire il dono di un po’ di tempo da dedicare all’ascolto di coloro che sono soli, compiere gesti di prossimità - magari con qualche piccolo ma essenziale servizio -, risanare fratture o tensioni con il dono del perdono, offrire la preghiera per quelle situazioni che sembrano insuperabili. Affidiamo tutto ciò alla fantasia della carità e non cessiamo di esserne operatori semplici e autentici. A tutti, dunque, chiedo e assicuro un ricordo nella preghiera, con l’augurio di poter vivere l’evento pasquale nella comunione col Signore risorto, liberi dal peccato che forma la tenebra nei nostri cuori. La novità della Pasqua di Risurrezione, accolta con cuore sincero, ci renda sempre più fermi nella fede, perseveranti nella speranza e operosi nella carità".

La Settimana Santa, tutte le celebrazioni del vescovo:

* Domenica delle Palme - Alle 10.30, a Sarzana, Messa solenne e benedizione dei rami di palma e di ulivo nella basilica concattedrale di Santa Maria Assunta. Analogo rito il vescovo ha presieduto ieri sera in cattedrale alla Spezia;
* Giovedì Santo - In cattedrale, alla Spezia: alle 9 Messa Crismale, con la presenza di tutti i sacerdoti e dei diaconi permanenti della diocesi; alle 18 Messa “in Cena Domini”. Non si terrà la lavanda dei piedi;
* Venerdì Santo - In cattedrale, alla Spezia: alle 8, ufficio delle Letture e recita di Lodi. Alle 17 Celebrazione della Passione del Signore (non si celebra la Messa);
* Sabato Santo - In cattedrale, alla Spezia: alle 8 ufficio delle Letture e recita di Lodi. Alle 19.30 solenne Veglia di Pasqua (con conclusione entro le 21.30);
* Domenica, solennità di Pasqua - Alle 10.30 Messa pontificale e benedizione solenne nella cattedrale di Cristo Re alla Spezia. Alle 18 Messa pontificale nella basilica concattedrale di Sarzana.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Associazioni e cittadini di Monterosso chiedono l'intervento delle autorità, civili ed ecclesiastiche. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
In corso l'intervento dei Vigili del Fuoco, chiuso un tratto della strada. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa