Al via "Allenurbis": un progetto di inclusione sociale e integrazione attraverso attività sportive In evidenza

di Anna Mori - Il progetto è risultato vincitore del bando “Abilità al plurale 2” di Regione Liguria – Fondo Sociale Europeo.

Venerdì, 04 Giugno 2021 20:07

È stato presentato questa mattina presso il Sant’Anna Hostel “Allenurbis - Cimenti sportivi urbani”, un progetto che promuove l’inclusione sociale e l’integrazione attraverso attività sportive e artistiche mirate a sensibilizzare la comunità sulla partecipazione e la cittadinanza attiva di ragazzi con disabilità.
Sono intervenuti il Presidente Fondazione AUT AUT Paolo Cornaglia Ferraris, il Direttore Generale ASL 5 Spezzino Paolo Cavagnaro, il Presidente della Fondazione Carispezia Andrea Corradino, il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini, il Presidente del Distretto sociale 17 Val di Vara Alberto Battilani, i partner e le associazioni coinvolti nel progetto.

“Allenurbis”, nato dalla volontà di mettere in rete le idee e le risorse di diversi soggetti attivi sul territorio, è risultato tra i vincitori del Bando “Abilità al Plurale 2” di Regione Liguria e finanziato dal Fondo Sociale Europeo con quasi 250 mila euro.

“Il Progetto ‘Allenurbis’ diventa un punto strumentale rilevante di aggregazione sociale dove i ragazzi con diversa abilità potranno diventare i protagonisti di attività che promuoveranno l’inclusione e l’aggregazione” afferma il Presidente Fondazione AUT AUT Paolo Cornaglia Ferraris. “La Fondazione AUT AUT, voluta dalla Fondazione Carispezia, rappresenta un modello dinamico che promuove, quale punto chiave, l’autonomia dei ragazzi autistici, favorendo il loro inserimento nel mondo del lavoro”

Il progetto, della durata biennale, aggrega tre importanti realtà territoriali: la Fondazione AUT AUT (capofila del progetto), nata su impulso di Fondazione Carispezia, riunisce due delle principali associazioni di genitori di ragazzi autistici – Fondazione Il Domani dell’Autismo e A.G.A.P.O. odv – promuovendo nelle strutture turistico-ricettive-formative “Luna Blu” e “Sant’Anna Hostel” l’inclusione socio-lavorativa di ragazzi con autismo e patologie correlate; Anffas (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità) che si occupa da sempre della tutela dei diritti di persone con disabilità e che, alla Spezia, è il “motore” degli Special Olympics; la Cooperativa sociale “I Ragazzi della Luna” che gestisce la locanda “Luna Blu” e promuove diverse attività nel campo dell’inserimento sociale e lavorativo e nella partecipazione alla vita attiva in ambito culturale, sportivo e del tempo libero.

“Allenurbis è un esempio di collaborazione e sinergia tra diverse associazioni che hanno lavorato insieme verso un obiettivo comune. Ringrazio i Presidenti che mi hanno preceduto Melley e Ceroni che hanno saputo ascoltare e interpretare i bisogni del territorio – dichiara il Presidente della Fondazione Carispezia Andrea Corradino – da questo è nato un percorso che ha visto la Fondazione impegnata nel sostenere due progetti che rispondono alle esigenze del nostro territorio ‘l’Hostel Sant’Anna’ e ‘Luna Blu’. E’ importante dare a questi ragazzi una prospettiva di autonomia lavorativa e di vita”.

Il progetto è sostenuto inoltre da una solida rete territoriale di supporto e garanzia formata da ASL 5 Spezzino; dai Distretti Sociali 17, 18, 19; dall’Ufficio Scolastico Provinciale; dall’Associazione Special Olympics e da Fondazione Carispezia, e vede la collaborazione di Isforcoop, quale ente formativo accreditato.

“Allenurbis” prevede lo sviluppo, nell’arco di un biennio, di attività sportive di diverso genere, sia di carattere agonistico che amatoriale, con l’obiettivo principale della condivisione e del coinvolgimento della comunità mediante la diffusione dei risultati e la realizzazione di eventi. Il progetto propone inoltre azioni dimostrative e di sensibilizzazione sulle attività sportive per ragazzi con disabilità all’interno delle scuole e percorsi per la formazione di educatori e operatori.
Il percorso si concluderà con un evento a forte impatto cittadino. L’idea è quella di una maratona dedicata ai camminatori che attraversi i luoghi storici della Spezia e rappresenti l’occasione per attirare in città persone ed intere famiglie da altre regioni d’Italia.

La filosofia che sta alla base del progetto, che richiama in alcuni tratti l’idea delle Fondazioni di Comunità, è quella di catalizzare risorse ed energie per sostenere percorsi che contribuiscono a migliorare la vita della comunità. L’azione di legare tra loro istituzioni, realtà del terzo settore, cittadini favorisce la partecipazione e l’integrazione di risorse e la rigenerazione di legami sociali e di solidarietà tra le persone che vivono e operano sul territorio.

“Il compito della nostra azienda è quello di valorizzare le esperienze del territorio che vengono dal terzo settore – afferma il Direttore Generale ASL 5 Spezzino Paolo Cavagnaro – dobbiamo agire da facilitatore sostenendo le associazioni e facendo in modo che queste esperienze vengano regolamentate a livello regionale. Facendo vedere i risultati potremmo ottenere di più”.

“Allenurbis è un bellissimo progetto che ci pone davanti a domande sul senso della vita – afferma il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini - E’ un esempio di come sia importante dare significato a certe situazioni e farle diventare un’opportunità. E’ importante ascoltare i bisogni del territorio. Stiamo cercando di ripartire dai quartieri e dai problemi, mettendo a disposizione delle persone il patrimonio pubblico. E’ importante costruire una rete di relazioni e da qui anche l’avvio del progetto del Maggiordomo di Quartiere, è necessario dare una dimensione più umana alla politica. Il nostro impegno è quello di lavorare in squadra con tutti voi per soddisfare i bisogni del territorio”.

“Anche il nostro distretto è coinvolto nel progetto – dichiara il Presidente del Distretto sociale 17 Val di Vara Alberto Battilani – Esperienze come queste vanno valorizzate. Abbiamo dimostrato eccellenza progettuale grazie alla sinergia tra le associazioni e tre distretti sociali. Allenurbis è davvero un progetto molto inclusivo che contribuirà a eliminare muri e pareti. Per questi ragazzi sarà davvero una risorsa”.

I numeri del progetto

Il progetto permetterà di realizzare oltre 5.000 ore di attività educative, formative e laboratori con il coinvolgimento di circa 140 ragazzi (dai 16 anni) e di oltre 30 operatori. Le aree di intervento principali, che prevedono la dotazione di idonee attrezzature, sono quelle del canottaggio, del walking e Nord walking e della bicicletta. È previsto inoltre l’allestimento di un campo per il tiro con l’arco presso il Campus Agrisociale S. Anna.

Il progetto porterà inoltre al potenziamento e alla programmazione di partite dimostrative e di una serie di attività sportive sia di squadra che individuali (basket, calcio, arti marziali, ecc.), oltre a sport acquatici. Allenurbis prevede anche la realizzazione di gadget artistici e oggettistica per la premiazione degli atleti e degli ospiti a cura dei ragazzi delle officine Agapo.

La realizzazione di eventi di visibilità (gare sportive, amatoriali, dimostrazioni) rappresenterà il coronamento delle varie attività sportive proposte e il riconoscimento della comunità ai ragazzi partecipanti, al fine di perseguire al meglio gli obiettivi stabiliti in termini di sensibilizzazione e partecipazione attiva.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il gonfalone torna in borgata dopo 26 anni. Per i bianco-azzurri arriva la doppietta dopo la vittoria delle ragazze. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Canaletto o Cadimare? C'è voluta quasi un'ora per decretare il vincitore della gara. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa