A 20 anni di distanza, uno spettacolo ricorda il G8 di Genova In evidenza

Con una ballata metropolitana, utilizzando un linguaggio urbano.

Lunedì, 05 Luglio 2021 19:47

  “20ANNI Cronache di inizio millennio dal g8 di Genova”: è questo il titolo dello spettacolo teatrale che si terrà martedì 6 luglio, alle ore 18,30, al Circolo Arci Canaletto aps (Via G. Bosco n. 2).

 

L’evento, promosso dal Comitato Territoriale Arci La Spezia e dal Comitato Arci Liguria, rientra nelle manifestazioni organizzate in occasione del ventennale del G8 di Genova.

 

Di seguito una breve sinossi dello spettacolo.

Qualcosa di significativo accadde nei giorni di luglio del duemilauno: una marea di persone di diversa età, provenienza e storie invase le strade di Genova. Erano gli anni dei Social Forum, di quello che venne definito il popolo di Seattle, erano tutte persone che sentivano profondamente di essere cittadini del mondo e che credevano che la libertà fosse un diritto di nascita e non di nazionalità. In quel luglio una generazione si scontrò contro il muro di una nuova repressione, si consumò “la più grande sospensione dei diritti democratici in un paese occidentale” (Amnesty International), ma i media riportarono i fatti in modo differente. I fantasmi del passato tornarono e il dolore non andò più via.

Nel 2002 sentimmo la necessità di raccontare ad altri quello che avevamo vissuto a Genova, dentro di noi e fuori. Adesso dopo 19 anni sentiamo la necessità di ricordare quello che è successo, in particolare di come furono trattati i manifestanti, ma non solo. Oggi raccontiamo quei giorni con una ballata metropolitana, utilizzando un linguaggio urbano che attinge all’antica arte del Cunto, mischiando antico e contemporaneo, cercando una lingua universale che parli col suono più che col significato. È un racconto personale eppure collettivo allo stesso momento. E’ il punto di vista del cielo che guarda la folla colorata, i suoni, le danze, i canti, le speranze del mondo che si incontrano in un unico cammino.

Poi di colpo, come in una brutta fiaba, tutto sale verso l’alto come il fumo nero dei lacrimogeni, le urla di paura, gli schizzi di sangue, la rabbia che spacca il petto, le fughe per le scalinate ... e dopo ore ecco il fischio del treno che riparte per andar via lasciando un pezzo di ognuno li tra quelle strade, sotto quel cielo. Il treno come il tempo non si volge indietro, è un respiro affannato, è una voglia mai doma di libertà che attraversa tutti questi anni per chiedersi ancora il senso di questo viaggio, quello passato e quello da fare ancora. Intanto ecco una stazione, quella dei 20 anni in cui fermarsi per far salire altri passaggieri e proseguire ancora una volta insieme per continuare il viaggio verso la próxima estación: Otro Mundo es posible.

"E' proprio attraverso il viaggio - mentale o reale che sia, interiore o avventuroso- che ogni generazione costruisce la propria memoria e, a ben guardare anche la propria leggenda" (Pier Vittorio Tondelli)


In allegato la locandina dello spettacolo.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Download allegati:
Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Tenuto dalla Dottoressa Consuelo Del Destino, permette l'iscrizione nell’elenco dei tutor formati dallo studio (Albo Tutor dello Studio di Psicologia dell’Età Evolutiva) e la possibilità di collaborazione professionale. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa