Personale di Fernando Andolcetti alla galleria Il Gabbiano

Il Gabbiano arte contemporanea presenta una nuova mostra personale di Fernando Andolcetti, uno dei soci fondatori della galleria spezzina nel lontano 1968 e suo attuale presidente.

Martedì, 18 Marzo 2014 21:31

L'artista, nonché musicista e concertista, non è nuovo a cambiamenti nel suo linguaggio artistico, pur restando fedele alla interazione tra immagini, parole e scrittura musicale; dove le prime in questa serie di lavori tendono praticamente quasi a scomparire, lasciando campo quindi ad un linguaggio quasi del tutto 'concreto' musicale. In esergo a un suo significativo libro di vent'anni fa Giorgio Manacorda sceglie una citazione di Gottfried Benn: "Per colui che si sforza di dare espressione alla propria interiorità, l'arte non è qualcosa che attenga alle scienze umane, bensì qualcosa di fisico, come un'impronta digitale". Per la poesia. Manifesto del Pensiero Emotivo è il titolo di quel libro, edito nel 1993 da Editori Riuniti; la poesia è l'argomento di cui vogliamo occuparci. Poesia – latino pŏēsis – deriva dal termine greco ποίησις (poièsis), che attiene a poiéo (ποιέω), inventare, comporre, fare, produrre; la poesia con l'accezione quindi di "creazione", "costruzione", comunica un messaggio, il significato semantico delle parole insieme al suono e al ritmo che queste impongono alle frasi; la poesia ha quindi in sé alcuni requisiti della musica, particolare che in questa sede, viste le pratiche e la produzione plurima dell'autore, ci interessa molto. Le immagini poetiche visive di Fernando Andolcetti, anche se propriamente tali non sono – siamo, in effetti, nei pressi della poesia concreta, ma avremo modo di accennarne –, alludono a pensieri, significati precisi; intuizioni. Vocalises-tu? (Fai i vocalizzi?), "pagina" nella quale compare solo questa domanda, figurata da una font senza grazie, "ritagliata" nero su bianco, dove però le vocali sono in bold rispetto al resto del testo e come note musicali sono ripetute al di sopra o al di sotto della linea di scrittura, come seguendo le altre righe parallele di un pentagramma immaginario, contiene tutte e cinque le vocali; la tecnica del vocalizzo è usata dai cantanti per modulare la voce proprio sulle cinque vocali. Un gioco tautologico oltre che onomatopeico e ripetitivo. E così via. Le opere di Andolcetti mostrano senza pudore alcuno quindi, oltre al contenuto, la loro composizione strutturale, esemplificata, come comunemente nel suo lavoro, dalla tecnica del collage. Il suo lavoro da decenni è "radicato" (Senza titolo) nell'humus di tutte le correnti artistiche variamente denominate e geograficamente collocate che vanno dalla poesia concreta alla poesia visiva, in una parola sperimentale, con le diverse accezioni che ciascuna denominazione comporta, ma con la comune inequivocabile genesi riconducibile alle avanguardie storiche. Non a caso però dal titolo che identifica questa serie di nuovi lavori cadono gli eventuali aggettivi descrittivi, mostrando la volontà dell'autore di aprirsi alle varie interpretazioni possibili, un'opera aperta, incondizionata. In particolare ci interessa porre però l'accento in questo nuovo capitolo del lavoro visuale del nostro artista musicista, la tangenza con la poesia concreta, quale esercizio rigoroso di ricostruzione della struttura poetica con il mezzo tipico del carattere tipografico (leggasi in questa sede collage), tipico di questa poetica senza concessione alcuna alla figura. "Il principio della poesia è il linguaggio", sembra infatti pronunciare Fernando Andolcetti, tradotto con la sua innocente prepotenza – intesa come prontezza e freschezza di ispirazione e intuizione, che qualifica il suo lavoro da sempre –, reso, sul solco di un percorso assolutamente coerente, ogni volta nuovo e sorprendente, sull'onda di un'autentica emotività poetica, come un'impronta digitale". Inaugurazione sabato 22 marzo 2014 - ore 18.00. Mostra fino al 24 aprile. Orario martedì – sabato 17.00–20.00; domenica, lunedì e festivi chiuso. Ingresso libero

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Maltempo, è ancora allerta gialla

Sabato, 05 Dicembre 2020 13:03 cronaca
Dalle ore 13 di oggi sabato 5 dicembre fino alle ore 4 di domani domenica 6 dicembre Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Un libro che raccoglie sessantotto fotografie ognuna accompagnata da una poesia scritta da Noemi Bruzzi che hanno l'intento di rappresentare la nostra Città in tutte le sue sfaccettature Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa