Il primo Poetry Slam della provincia va a uno spezzino di ritorno In evidenza

Da venerdì sera, i tempi di Gino Patroni e di Giancarlo Fusco alla Spezia sono un po' meno lontani. È un'aria nuova, quella che si è respirata in Loggia de' Banchi per "Senti Che Muscoli SP!", il primo Poetry Slam spezzino. 

Lunedì, 27 Ottobre 2014 18:15
Sette poeti provenienti da tutto il nord Italia si sono sfidati in una "disfida poetica" che ha mutuato spirito ed ideali da quella remiera che anima il primo weekend del mese d'agosto, ed ha coinvolto un pubblico tracotante per numero ed entusiasmo.

Alla fine, ai microfoni ha prevalso l'ironia agrodolce di Andrea Fabiani, spezzino di nascita, genovese d'adozione, a conferma che algo propheta in patria est, ma solo sotto la condizione di un esilio almeno part-time.

In finale, Andrea si è confrontato con un altro sprugolino doc, quel Danilo Manganelli che ha scatenato plebisciti nelle sue performance al limite dello slam da rap, tutte rigorosamente in dialetto spezzino. Un evento nell'evento, il ritorno del nostro vernacolo innalzato a poesia, seppur in una manifestazione che apertamente sponsorizza ed incentiva quella "dal basso".

Chiude il podio il genovese Filippo Balestra, eliminato in semifinale insieme all'altro spezzino Andrea Bonomi, già noto nell'ambiente letterario locale per il suo romanzo d'esordio "Anche Robin Hood piange".

Hanno strappato consensi anche Francesco Terzago, nativo di Verbania ma residente alla Spezia, forse il più "poeta" di tutti i partecipanti, con già all'attivo collaborazioni con riviste prestigiose quali "Nuove Generazioni"; la milanese Carlotta Bongiorni, autrice di un lirismo essenziale dove la parola è al centro del monologo più della performance artistica, e la piemontese Cecilia De Angelis, che ha declinato con intelligenza e sensibilità il proprio repertorio artistico instaurando una buona empatia con il pubblico.

Un pubblico-giuria, come nel più pieno spirito della competizione, che ha assiepato la Loggia oltre le più logiche aspettative, alternando momenti di grande partecipazione democratica (ben 9 giudici "popolari" sono stati chiamati di volta in volta a valutare gli slammers) a religiosi silenzi – impensabili, ad orari così tardi, in un esercizio pubblico – durante la fase di declamazione delle poesie.

Alla fine della serata i "Maestri di Cerimonia" (MCs) Alfonso Pierro e Filippo Lubrano, hanno consegnato al vincitore i premi – in libri, ça va sans dire – messi in palio dalle librerie indipendenti Ricci e Contrappunto, partner dell'iniziativa, e coronato Fabiani rappresentante ufficiale del "Senti che Muscoli SP" alle finali nazionali della LIPS – Lega Italiana Poetry Slam.

Un momento, nel suo piccolo, fortemente simbolico: da oggi, il Levante ligure fa il suo ingresso definitivo nella mappa della "Poesia di strada" del nostro Paese.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Gli ospedalizzati salgono a 74 e sono 5 le terapie intensive. Due decessi all'ospedale di Sarzana. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Lo fa con un post su Facebook: "Il Pd torni a parlare dei problemi del paese". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa