Stampa questa pagina

Dalla raccolta delle olive all’olio in bottiglia: i bimbi agricoltori della scuola d’infanzia di Levanto

Non si sa ancora se saranno gli olivicoltori del futuro, coloro ai quali sarà demandato il compito di proseguire l'opera di tanti padri e nonni che si sono dedicati all'agricoltura come contadini o come semplici appassionati ma che hanno svolto un fondamentale ruolo di prevenzione del territorio levantese dall'abbandono e dai dissesti idrogeologici e di produzione del più tipico prodotto delle colline levantesi: l'olio d'oliva.

Venerdì, 23 Novembre 2012 15:00

Di certo, però, i bimbi dell'ultimo anno della scuola d'infanzia che nei giorni scorsi hanno raccolto le olive delle piante del parco giochi comunale "Ceula" e le hanno poi consegnate al frantoio della cooperativa "Agricoltori della vallata di Levanto" per seguirne in tempo reale la loro trasformazione nel preziosissimo "oro giallo" e riceverne ciascuno una bottiglietta, sono rimasti letteralmente affascinati dai movimenti, dai rumori, dalla vita che nel frantoio si consumava mentre si compiva il "misterioso" e breve viaggio delle olive all'interno dei macchinari.

E' stata un'esperienza importante, quella vissuta dai piccoli studenti e dalle loro insegnanti, un ulteriore passo all'interno del progetto "Orti in condotta" lanciato lo scorso anno da "Slow Food" e dal Comune di Levanto che aveva già portato alla coltivazione di ortaggi in un piccolo appezzamento nel complesso scolastico di via Martiri della Libertà messo a disposizione dal Comune, e del quale l'operazione di frangitura rappresenta al tempo stesso la naturale conclusione della prima fase e l'inizio della seconda con una nuova annata di semina, coltivazione e raccolto di prodotti dell'orto.

Il tutto, ovviamente, sostenuto da una corposa attività didattica e formativa condotta a scuola e "sul campo" dalle insegnanti (Carmen Callo, Ornella Beretta, Marzia Devoto, Paola Ansaldo e Angela Porcelli) e dai due "nonni agricoltori" (Giuliana Anselmo e Adastro Bonarini) che guidano i "nipotini" nelle loro avventure agricole.

"Insieme alla condotta Slow Food "La Spezia-Val di Vara-Cinque Terre-Levanto" abbiamo

abbracciato con entusiasmo l'idea di far coltivare direttamente ai bimbi i prodotti che poi vengono serviti nella mensa scolastica – spiega l'assessore alla Pubblica istruzione, Paolo

Lizza – In un sistema produttivo ormai globalizzato e standardizzato è fondamentale che i bambini conservino un contatto diretto con il territorio da cui provengono i prodotti che trovano già confezionati nei supermercati, che percepiscano il lavoro e la cura che stanno dietro queste produzioni e che sentano il territorio e l'ambiente come qualcosa di loro, da proteggere gelosamente e valorizzare come una risorsa preziosa per tutta la comunità".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Comune di Levanto

Decisione presa a seguito dell'ordinanza regionale che vieta le manifestazioni pubbliche e private. Leggi tutto
Comune di Levanto
Alla scoperta dei sapori del territorio, ma anche della rete sentieristica. Leggi tutto
Comune di Levanto

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa