"Odissea, un racconto Mediterraneo": a Carrara il 14 luglio Moni Ovadia In evidenza

Quattro serate tra mito e contemporaneo, in viaggio nella cultura del Mediterraneo con il progetto "Odissea un racconto mediterraneo" firmato da Sergio Maifredi e prodotto dal Teatro Pubblico Ligure per la prima volta a Carrara.

Lunedì, 11 Luglio 2016 11:35

Dopo l'apertura con Paolo Rossi il 1 Luglio, interprete di una maga Circe, prosegue la rassegna Moni Ovadia, il 14 Luglio con una struggente Gara dell'arco: al grande cantore di oggi il compito di riportare gli spettatori al rito civile della lettura in pubblico, come in chiesa, come davanti al fuoco; poi una eccezionale prova aperta con i giovani di Carrrara, con il direttore del progetto regista ed il gran finale il 30 Luglio con Massimo Wertmuller interprete dell'indimenticato ed indimenticabile episodio del Ciclope, magica descrizone di Omero della cultura del Mediterraneo.

Il porgetto Odissea Un racconto medeiterraneo ha debuttato in Liguria, al Festival internazionale degli scali a mare di Pieve Ligure ed è presentato in Italia davanti al mare e nei siti archeologici a testimonianza della forza della parola antica per il racconto del contemporaneo.www.teatropublicoligure.it

 


Venerdi 1 Luglio
Odissea Un racconto mediterraneo
LA MAGA CIRCE CANTO X
PAOLO ROSSI

Lo spettacolo trae spunto dal personaggio della maga Circe, che Odisseo incontra dopo che il dio Eolo ha dato a Odisseo l'otre che imprigiona i vènti contrari al ritorno ad Itaca. I compagni di Odisseo aprono l'otre, i venti si scatenano e tutti restano in balìa del mare per nove giorni. I giganti Lestrigoni massacrano parte dei compagni di Odisseo, indi finalmente giungono all'isola di Circe. La bella dea sperando di trattenere Odisseo ed i suoi trasforma gli uomini in porci facendo loro scordare il ritorno. Ma Odisseo riuscirà a liberare i suoi compagni ed a riprendere il viaggio.
Paolo Rossi trova infiniti spunti da questo canto per chiosare ogni suo pensiero sulle donne di Omero,e non solo.
Il suo spettacolo sa restituirci anfratti dell'Odissea che altrimenti rischiano di perdersi, fagocitati dall'insieme, ma i racconti delle pozioni magiche di cui si servono le dee e delle erbe usate per la confezione delle stesse, aggiunto al sarcasmo con cui Paolo sa giocare sulle debolezze umane, rendono lo spettacolo davvero divertente e contemporaneo.


Giovedi 14 Luglio

Odissea Una racconto mediterraneo
ODISSEO e LA GARA DELL'ARCO CANTO XXI
MONI OVADIA

Lo spettacolo permette a Moni Ovadia ancora una volta di salpare nel viaggio di Odisseo incontro ad Abramo, uno spettacolo dove il rito civile della lettura ed i due grandi viaggi che segnano la civiltà occidentale, quello di Odisseo e quello di Abramo diventano protagonisti.
Ovadia corre sulle onde dell'Odissea arrivando all'Itaca di quello straordinario poeta che è Kostantinos Kavafis, Lo spettacolo proietta lo spettatore in una dimensione in cui la narrazione ritorna all'antico e primo modo in cui il poema omerico veniva offerto, gli spettatori devono ascoltare , non leggere e l'unione di una grande testo con un grande interprete permette di assistere ad uno spettacolo di rara attualità.
Il racconto propone il momento in cui Penelope ha deciso di porre fine all'attesa: sarà sposa di chi, tra i proci, saprà tendere l'arco di Odisseo. I pretendenti, i proci, si preparano alla sfida; tra loro, sotto i dimessi stracci del mendìco, si cela Odisseo. Quando l'arco sarà nelle sue mani, Odisseo non esiterà a scoccare il dardo che trafiggerà la gola del più arrogante dei pretendenti. Le porte della reggia si serrano come le reti di una tonnara. La mattanza ha inizio.


Lunedi 18 Luglio

Il mio Odisseo
Un viaggio verso Omero
Con i giovani Ludovico Torri ,Filippo Nicolai Luca Ceccarelli Pietro Bigini
Con la regia di Sergio Maifredi direttore del Teatro Pubblico Ligure ed autore del Peogetto Odissea


Sabato 30 Luglio
Massimo Wertmuller
ODISSEA – UN RACCONTO MEDITERRANEO
Il ciclope Canto XIX

Massimo Wertmuller si addentrerà nell'oscuro antro del Ciclope Polifemo, il feroce figlio di Poseidone, che Odisseo ubriaca e acceca scatenando le ire del dio dei mari. Il canto ripropone il racconto della cultura del Mediterraneo, nella caverna si trovano il vino il formaggio ed il gregge, Polifemo è un pastore che compie i riti della terra a noi cari . Il canto è famoso per l'astuzia con cui Odisseo mette in salvo i suoi e si fa chiamare Nessuno, una rara descrizione del mondo antico tra mito e realtà.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Tenuto dalla Dottoressa Consuelo Del Destino, permette l'iscrizione nell’elenco dei tutor formati dallo studio (Albo Tutor dello Studio di Psicologia dell’Età Evolutiva) e la possibilità di collaborazione professionale. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa