Le donne contadine protagoniste a Suvero In evidenza

Presentato il libro "Sebben che siamo donne".

Lunedì, 06 Agosto 2018 15:36

 

Il libro di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello “Sebben che siamo donne. Resistenza al femminile in IV Zona Operativa, tra La Spezia e Lunigiana” ha fatto tappa anche a Suvero, in occasione dell’anniversario del rastrellamento del 3 agosto 1944. Erano presenti il Sindaco di Rocchetta Vara Riccardo Barotti e alcune delle protagoniste del libro: Ester Drovandi e Maria Zelmina Moscatelli, donne contadine sostenitrici dei partigiani, che hanno ricevuto un attestato dal Sindaco. Ad altre donne assenti per motivi di salute -Celeste Maria Ferrari e Maria Ruffini- l’attestato sarà consegnato dal Sindaco nei prossimi giorni.

Giorgio Pagano si è soffermato sull’importanza del ruolo delle donne partigiane in armi e staffette, e poi su quello delle donne contadine, leggendo brani delle testimonianze delle donne di Rocchetta Vara. L’autore ha così concluso:
“La Resistenza fu un processo articolato, socialmente oltre che politicamente, plurale e non riducibile alla lotta armata. Le contadine di Rocchetta Vara che misero a repentaglio la casa, i beni e la vita erano consapevoli che la loro solidarietà verso i ribelli poteva costare tanto. A differenza dei combattenti che potevano sfuggire e nascondersi sulle montagne, non avevano difesa né possibilità di salvezza. Dividere lo scarso cibo le rendeva più povere, non più ricche. Ester, Maria Zelmina e tutte le altre donne contadine sono il simbolo di una Resistenza civile e sociale diffusa, anonima, altrettanto se non più rischiosa di quella con le armi, e senza cui le formazioni militari non sarebbero riuscite a sopravvivere a lungo. La loro resistenza fu la dimostrazione della rottura diffusa e di massa degli italiani con il fascismo e la guerra. Fu decisiva, allora, la responsabilità individuale. Per ragioni profondamente diverse abbiamo bisogno ai nostri giorni di una nuova stagione di impegno civile e di responsabilità individuale, di fronte a nuovi razzismi e a nuovi autoritarismi”.


(Foto di repertorio)

 

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)
Ass. Culturale Mediterraneo

Corso Cavour, 221
19122 La Spezia

Tel. 345 6124287
Fax. 0187 732765

associazioneculturalemediterraneo.com/sp/

Ultimi da Ass. Culturale Mediterraneo

Previsto un ciclo di iniziative sul tema dell'esilio. Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo
Il volume "Un mondo nuovo, una speranza nuova. Gli anni Sessanta alla Spezia ed in provincia" presentato nella sala multimediale di TLS. Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa