Paolo Buogeat suonerà l'organo della chiesa di Sesta Godano In evidenza

Appena restaurato.

Venerdì, 17 Agosto 2018 17:39

 

Lunedì 20 agosto, alle ore 21:15, presso la chiesa Santa Maria Assunta di Sesta Godano, si terrà il prossimo appuntamento della rassegna musicale “Il Suono del Tempo – Antichi Organi 2018” con il concerto dell'organista Paolo Bougeat.

Paolo Bougeat è nato ad Aosta nel 1963. Si è diplomato in Organo e Composizione Organistica e in Clavicembalo al Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino. Tra i vari corsi di perfezionamento rivestono una particolare importanza quelli di Cremona attinenti al repertorio organistico francese antico, romantico e contemporaneo. Ha tenuto oltre 500 concerti tra Italia, Europa e Stati Uniti, ottenendo premi e riconoscimenti internazionali anche per la sua attività di compositore. In campo musicologico ha dedicato libri agli strumenti della sua terra. Particolarmente interessato ai nuovi orizzonti dell'arte organaria, ha curato i progetti fonici di nuovi organi valdostani. Attualmente è docente di Organo e Composizione organistica all'istituto superiore di Studi Musicali della Valle d'Aosta.


L'Organo

Lo strumento di Santa Maria Assunta, del quale è appena terminato il restauro ad opera della ditta Marin di Genova, è stato firmato dalla fabbrica di organo Paoli di Chiavari e risale alla fine del XX secolo. La fabbrica organaria Paoli, che era specializzata nel restauro di antichi strumenti di Scuola ligure, costruì i quel periodo in Val di Vara ben 12 organi.
Collocato in cantoria sopra l'ingresso, presenta un prospetto ad unica campata, con 31 canne di facciata disposte a cuspide centrale ed ali laterali. Tastiera di 61 tasti e prima e prima ottava cromatica e pedaliera a leggio di 17 pedali e prima ottava cromatica. I registri sono azionati da manette poste su due file alla destra della tastiera.


“Il Suono del Tempo – Antichi Organi” è un progetto dell’Associazione Musicale César Franck finalizzato alla diffusione della cultura musicale e alla valorizzazione del patrimonio organario della provincia della Spezia e della Lunigiana, un territorio che vanta la presenza di oltre cento antichi organi e che storicamente rappresenta un importante crocevia tra l’arte organaria italica (toscana, lombarda, piemontese e ligure) e le influenze mitteleuropee (fiamminga, francese e svizzera-austriaca). “Il Suono del Tempo – Antichi Organi” è un progetto ambizioso che non avrebbe potuto vedere la luce senza la collaborazione di altri soggetti ed enti locali e che si avvale del contributo della Fondazione Carispezia nell’ambito del bando “Eventi Culturali” 2018.
“Il Suono del Tempo – Antichi Organi 2018” è organizzato in partnership con i comuni di La Spezia, Bonassola, Luni, Maissana, Pontremoli, Santo Stefano di Magra, Sesta Godano e tutte le chiese e parrocchie nelle quali si terranno i concerti.

Tutti i concerti sono ad ingresso libero.

 

Prossimi appuntamenti:

Mercoledì 29 agosto ore 21:15
San Giorgio (Bonassola) San Giorgio
Giorgio Revelli clavicembalo e organo

Giovedì 30 agosto ore 21:15
Santo Stefano di Magra S. Stefano Protomartire
Beppino Delle Vedove organo
Claude Padoan corno

Lunedì 3 settembre ore 21:15
Le Grazie (Porto Venere) N. Signora delle Grazie
Roman Perucki organo

Domenica 9 settembre ore 21:15
Nicola (Luni) Santi Filippo e Giacomo
Michela Ferrari Vivaldi soprano
Stefano Moriconi flauto
Laura Casoli organo

Martedì 11 settembre ore 21:15
Fezzano (Porto Venere) San Giovanni Battista
Andreas Meisner organo


Per informazioni:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pagina Facebook

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Palmaria Covid free?

Sabato, 11 Luglio 2020 20:54 cronaca-porto-venere
Pazza estate 2020: nel litorale spezzino il Covid viene vissuto senza una linea di buonsenso condiviso. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
La zona della Castellana e Muzzerone oramai è infestata dai cinghiali di taglia grossa, e gli abitanti hanno pure paura di uscire alla sera. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa