Via Dante e piazza Staglieno: gli spazi pubblici esterni alle attività produttive saranno adiacenti agli edifici In evidenza


Novità in arrivo per i dehor delle attività commerciali levantesi situate in via Dante e sul lato di piazza Staglieno compreso tra via Jacopo e corso Italia.

Martedì, 21 Aprile 2020 10:51

 

“A conclusione dei lavori di valorizzazione del centro storico, con il rifacimento della pavimentazione di tutta l’area pubblica di via Dante e piazza Staglieno - spiega il vicesindaco, Luca Del Bello - si rende necessaria una riorganizzazione delle superfici concesse al pubblico esercizio attraverso un’azione di coordinamento tra gli operatori, di armonizzazione fra gli spazi pubblici e quelli richiesti in concessione. In previsione di un uso prevalentemente pedonale di tutta l’area pubblica, che renderebbe più fruibile e gradevole il passeggio al centro della strada, l’amministrazione comunale prevede di presentare al Consiglio comunale del prossimo 5 maggio una modifica al “Regolamento per l'utilizzo degli spazi pubblici e per la riqualificazione del paesaggio urbano” che consenta, limitatamente all’area interessata dai recenti lavori di valorizzazione, che i dehor possano essere adiacenti agli edifici. Dovranno essere ovviamente privilegiate soluzioni tecniche che garantiscano la riconoscibilità e la lettura delle facciate prospicienti la via pubblica”.

La modifica agevolerà l’attività dei pubblici esercizi, che potranno fruire di spazi esterni immediatamente adiacenti ai locali (e quindi più facilmente raggiungibili dal personale che vi effettua servizio) e consentirà una rapida ripresa della attività attualmente sospese a seguito dell’emergenza epidemiologica in atto.

Il Comune sta lavorando anche ad un’ulteriore semplificazione delle norme che disciplinano la gestione degli spazi pubblici. Anche le strade appartenenti all’ente pubblico da più di 70 anni sono sottoposte al vincolo monumentale: una condizione che impone il rilascio di un’autorizzazione (attraverso la Soprintendenza) per la posa in opera delle strutture dei dehors.
“Per questo – conclude Del Bello - l’amministrazione sta per affidare un incarico per la verifica, di concerto con la Soprintendenza, della sussistenza dell’interesse monumentale nelle vie e

nelle piazze del territorio comunale, in modo da mantenere il vincolo solo dove questo sia giustificato da effettive rilevanze storiche, semplificando invece il procedimento sulla restante parte del territorio”.

Intanto, in considerazione delle limitazioni agli spostamenti e ai contatti interpersonali e professionali imposte dall’emergenza epidemiologica in corso, nonostante gli uffici comunali continuino la loro attività anche in modalità “smart working”, l’amministrazione comunale ha deciso di prorogare al 31 luglio il termine entro il quale dovranno essere presentate le schede tecniche contenenti le proposte dei cittadini da esaminare nell’ambito della revisione del Piano urbanistico comunale.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa