La pelle dei neonati nei primi mesi di vita: come prendersene cura

Qualche suggerimento.

Lunedì, 19 Ottobre 2020 19:31

La pelle dei neonati è molto delicata, di conseguenza è sempre necessario prendersene cura, per evitare problemi di ogni tipo. Pur essendo tonica, elastica e molto liscia, infatti, la cute durante i primi mesi di vita è molto più sottile rispetto a quella di un adulto, ed è di conseguenza più facilmente soggetta ad alcune problematiche.

Fra i problemi più diffusi ci sono ad esempio le irritazioni cutanee e gli arrossamenti, insieme alle dermatiti (come l’irritazione da pannolino), alla candidosi e alla DAC; anche le infezioni sono purtroppo piuttosto comuni. Ci sono diversi sintomi che possono comunicare la presenza di queste ultime, come la pelle gonfia e le eruzioni cutanee, oltre alle ferite aperte e ai continui pianti del piccolo, che spesso resta sveglio anche tutta la notte per questi motivi.

Come prendersi cura della pelle del neonato

Per prima cosa, esistono una serie di prodotti particolarmente indicati per prendersi cura della pelle di un bambino, utili sia per l’igiene che per la fase di idratazione della cute. Ci sono le creme emollienti e idratanti, insieme agli shampoo delicati che non irritano gli occhi, e ai detergenti non schiumogeni rispettosi della salute della loro pelle. Prodotti da neonato come questi possono essere ordinati anche presso una farmacia online, una soluzione più comoda soprattutto in questo periodo particolare, in quanto consente di riceverli direttamente a casa.

Come curare la pelle di un bambino nei suoi primi mesi di vita? Prima di tutto bisogna provvedere sempre alla sua pulizia in maniera delicata, evitando di sfregarla, in quanto sono molto frequenti le irritazioni, come già detto. In secondo luogo, è sempre il caso di fare attenzione quando si usa lo shampoo, specialmente se è presente la crosta lattea: in questo caso bisogna infatti acquistare un prodotto appositamente formulato. Inoltre, è bene fare molta attenzione all’igiene e alla pulizia delle parti intime, perché i residui sul pannolino possono portare a fastidiose irritazioni cutanee, ed è ovviamente necessario scegliere un detergente compatibile con la delicatezza delle mucose. Infine, attenzione anche alla frequenza dei bagnetti: uno a settimana sarà più che sufficiente.

L’importanza delle visite mediche periodiche

Nei primissimi mesi di vita sono fondamentali le visite mediche periodiche, per tenere sotto controllo il suo stato di salute. Ci sono poi una serie di appuntamenti pediatrici da non sottovalutare, soprattutto durante il primo anno di vita. In tal caso si fa riferimento alle visite relative allo sviluppo motorio e cognitivo, insieme ai controlli dello sviluppo fisico del piccolo, detti “bilanci pediatrici”. Il controllo attento di ogni fase della sua crescita è fondamentale, in quanto permette di evidenziare per tempo eventuali carenze o problemi; un esempio è il test di Boel, da effettuare tra il settimo e il nono mese e importante in quanto serve per verificare le sue capacità uditive, visive e motorie.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa