Concessioni balneari, Rete Imprese Italia La Spezia ribadisce l'importanza di applicare la proroga In evidenza

Chiesto un incontro con i sindaci dei comuni costieri.

Lunedì, 26 Ottobre 2020 19:46
Levanto Levanto

 

“E’ possibile che il consigliere Lorenzo Perrone, con delega al demanio al Comune di Levanto, non abbia ancora letto l’ultimo atto della vicenda Bolkestein – spiegano Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti unite nella sigla di Rete Imprese Italia La Spezia - ossia l’articolo 100 del Decreto Rilancio in cui si ribadisce la validità delle disposizioni di cui all’articolo 1, commi 682 e 683, relativo alla proroga di 15 anni delle concessioni demaniali, estesa anche concessioni lacuali e fluviali”.

“E’ inoltre possibile – proseguono le associazioni di categoria - anzi molto probabile visto quello che leggiamo, che il consigliere non sappia che oramai la maggioranza dei comuni italiani ha concesso la proroga al 2033 e che tra questi si contano molti del Ponente Ligure e che in alcuni casi, come in Sardegna, sono intervenute le stesse Regioni con delibere che intimano ai Comuni di procedere alla proroga. Vero è che siamo in una fase di stallo, come dice l’amministratore levantese, ma lo stallo crea disparità perché non riguarda tutti, ma solo i balneatori di quei Comuni che hanno ‘deciso di non decidere’, assumendosi la responsabilità di non applicare una norma dello Stato, preferendo trincerarsi dietro sentenze che spesso si annullano l'una con l'altra e a una lettera della Procura di Genova datata estate 2019”.

“Ricordiamo – precisa la nota di Rete Imprese La Spezia - che nel frattempo è scoppiata una pandemia e proprio per non aggiungere ulteriori incertezze alle imprese che garantiscono il mantenimento costante del litorale, il Governo ha voluto confermare le disposizioni del 2018 e tantissime amministrazioni, anche tra quelle che prima si erano dimostrate riottose, sono andate avanti, compreso il Comune di Rimini, che era uno dei tasselli mancanti nella Romagna. Abbiamo richiesto un incontro sul tema a tutti i sindaci dei comuni costieri. Ci domandiamo chi garantirà la vacanza in sicurezza sui nostri lidi nel 2021 se, a due mesi alla scadenza annuale, in alternativa alla proroga non venga preparato un bando di gara, e chi conosce un pò la materia sa che la predisposizione di un bando così complesso e controverso non bastano quindici giorni. Senza poi considerare che è alquanto improbabile poter mettere in gara un bene che non è più nella disponibilità perché che ha già ottenuto doverosa proroga” conclude Rete Imprese Italia La Spezia.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Rete Imprese Italia

"I Comuni litigano e le Imprese intanto subiscono". Leggi tutto
Rete Imprese Italia
"Un piccolo ma importante segnale di risposta alle richieste avanzate nei mesi scorsi". Leggi tutto
Rete Imprese Italia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa