Brand Huf e lo streetwear clothing: la storia di un marchio nato nella Grande Mela

Il marchio Huf nasce non troppo tempo fa, all’incirca vent’anni, esattamente a New York City, la città più metropolitana e cosmopolita che esista al mondo. Il suo ideatore è Keith Hufnagel.

Giovedì, 19 Novembre 2020 12:34

I ragazzi americani, ma soprattutto i californiani, sono innamorati dello skateboard, del parkour e del classico stile “da strada”. Eppure Hufnagel non era un ragazzo di San Francisco, ma piuttosto egli è nato e cresciuto nella Grande Mela, la città più popolare e rappresentata negli Studi cinematografici di Hollywood.

New York New York ha dato i natali all’ideatore del marchio Huf, ma l’idea per i capi d’abbigliamento delle sue linee parte dalla sua attrazione fortissima nei confronti dello stile streetwear delle strade di “Frisco”.

Per quanto si possa definire “recente”, questo brand ha fatto moltissima strada in pochissimo tempo, riuscendo dopo poco a raggiungere le coste al di là dell’oceano Atlantico e sbarcare in Europa, dove è stato subito accolto con entusiasmo.

I giovani, soprattutto quelli di questa generazione, i cosiddetti “Centennials”, adorano lo stile streetwear, ne vanno completamente pazzi, anche perché è stato portato in auge da moltissimi rappresentanti della musica pop e trap (parliamo soprattutto della situazione e dei trend qui in Italia). 

Adesso lo streetwear e soprattutto il marchio Huf si vendono dappertutto, persino negli ecommerce.

Noi abbiamo trovato online Malkutha Store, un e-commerce molto fornito per il brand Huf soprattutto su Felpe e T-shirt:questo negozio on line nel corso del tempo sta avendo sempre più successo e questo dimostra che, come si è visto soprattutto nei mesi del lockdown,il commercio sul web ormai è il futuro e non si può più tornare indietro.

Perché lo stile streetwear piace tanto ai giovani?

Le star si sono nuovamente allineate per darci quello che tutti stavamo aspettando: un modello da seguire ciecamente e con venerazione per quanto riguarda lo stile nell’abbigliamento.

Dare un'occhiata a ciò che sarà di tendenza è sempre elettrizzante, ma ancora più eccitante degli spettacoli (programmi tv, concerti, sfilate di moda, performance di vario tipo) è vedere cosa indossano tutti.

Una tendenza che ha superato la prova del tempo, così come la passerella nella giungla di cemento, è lo streetwear. Lo streetwear è una tendenza in cui tutti sembrano immergersi, ma dove è iniziato tutto?

A questo punto, tutti sanno cos'è lo street style, ma lo streetwear non è sempre stato in prima linea nel settore della moda. Oggi, la maggior parte delle persone potrebbe trasformare lo streetwear in una qualche forma di athleisure, ma c'è di più oltre a questo.

 

Fonda le sue radici negli anni '70, tra un mix di cultura skate e hip-hop: lo street style è iniziato come una sottocultura della moda californiana per soli surfisti e skateboarder che desideravano indossare abiti comodi. 

Dopo aver superato i suoi umili inizi, lo streetwear è diventato una vera e propria forza nella moda presente e futura (si vede anche dal fatto che la maggior parte dei divi pop scelgono questo stile perché si sentono più che rappresentati da esso). 

Il negozio Huf One di Keith Hufnagel fu uno dei primi a portare a New York lo stile streetwear, e quindi a espatriarlo dalla calda e assolata California dei surfisti dai capelli lunghi.

Quel periodo storico a New York era molto particolare:infatti c era molto fermento artistico e culturale, anche se allo stesso tempo si respirava specialmente in alcune zone un grande degrado sociale ed economico.

 

Questa apparente contraddizione non fu di intralcio all’esplosione e alla diffusione dello lo stile streetwear, grazie appunto alla creatività e genalità di Keith Hufnagel. Nel momento in cui iniziò ad avere successo iniziò a viaggiare in tutto il mondo grazie ai soldi avuti dalle sponsorizzazioni di aziende di skate.

Questi viaggi furono per lui occasione di nuove conoscenze, anche se nascevano con lo scopo di provare nuovi articoli che le aziende producevano:sta di fatto che a un certo punto decise di approfittare in maniera positiva del suo successo e fondò la sua linea di abbigliamento chiamata Huf.

Oggi grazie a lui, di punti vendita ce ne sono a bizzeffe e lo streetwear si è aggiudicato un posto importante nell’Olimpo dell’alta moda e nel cuore dei fashion victim.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa