Stampa questa pagina

Convegno CGIL al Polo Marconi, Cimino: “Lo sviluppo riparte da luoghi come questo”

Discussione di buon livello e spunti interessanti al convegno a Polo Marconi "Università + Lavoro fanno rima con Futuro" organizzato dalla CGIL spezzina.

Sabato, 08 Giugno 2013 09:36

I lavori sono stati aperti dal Segretario generale Lorenzo Cimino, che nella sua relazione ha focalizzato alcuni importanti contributi alla discussione: "Il nostro riconoscimento va ai ragazzi che si sono battuti affinché il polo rimanesse in questa città, una battaglia che rappresenta un momento di rinascita collettiva e di vero dibattito politico e culturale. Partendo da un'esperienza piccola come questa possiamo cambiare la nostra economia. Qui abbiamo un mix di potenzialità straordinario: gli studenti del polo sono un valore aggiunto per uno sviluppo con al centro innovazione e ricerca, possiamo dare una risposta concreta a questo slogan. Le istituzioni locali si devono mobilitare per attrarre risorse esterne e provare a mettere assieme tutti i nostri valori aggiunti: polo, industria della difesa, Marina Militare, nautica, distretto delle tecnologie, centri di ricerca. Abbiamo bisogno di un salto di qualità con un progetto complessivo che metta a sistema queste competenze con cultura e conoscenza come collante, bisogna ripartire da luoghi come questo."

Dopo Cimino, ha preso la parola Claudia Conti, in rappresentanza degli studenti del Polo Marconi: "La nostra esistenza è legata al comparto industriale e al mondo del lavoro; c'è soddisfazione per i tirocini nelle aziende locali che s'integrano nel percorso didattico, manca però la continuità a causa della crisi e bisogna ridare vita alla ricerca che oggi nel nostro Paese è morta."

Denso e puntuale l'intervento dell'Ammiraglio Dino Nascetti, Presidente di Promostudi: "La ricerca in ingegneria deve portare a nuovi prodotti industriali. E' necessario un piano strategico per trovare linee di prodotto definite e investimenti adeguati, dobbiamo identificare le aree dove ci sono ancora possibilità di sviluppo come il design italiano, l'industria off shore che opera su grandi profondità con istallazioni a 1000/2000 metri sotto il mare. Il Polo Marconi? Non siamo ancora un centro di eccellenza, dobbiamo maturare capacita uniche al mondo investendo sulla ricerca altamente specializzata, ci vogliono tempo, persone e sprovincializzazione, scambio di informazioni e programmazione."

Concetti ripresi dal Presidente del Distretto delle Tecnologie Marine, Lorenzo Forcieri: "Solo i giovani riescono a fare il salto di testa necessario a superare questa situazione eccezionale di crisi, le risorse sono poche e bisogna avere la capacita di finalizzarle, c'è bisogno di progetti collettivi. Dobbiamo imparare a fare sistema ed il Polo Marconi è la sede naturale per attivare questo processo."

Diego del Prato, Assessore all'Istruzione del Comune della Spezia, ha insistito sul fatto che lo Stato deve tornare a investire nell'Istruzione e nell'Università.

L'iniziativa è stata conclusa da Claudio Franchi, responsabile del coordinamento nazionale precari della CGIL: " lo sviluppo non si fa con l'abbattimento del costo del lavoro ma con ricerca, innovazione e welfare. Bisogna riuscire a integrare la conoscenza come valore aggiunto dei processi di produzione: il Polo deve avere questo ruolo nell'economia di questo territorio per rafforzare il sistema complessivo, la questione non è tra Genova e La Spezia, ma dare una risposta al paese in termini di miglioramento delle prospettive di lavoro e di futuro."

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CGIL

Via Bologna, 9

Tel.: +39 0187547111
Fax: +39 0187516799

www.cgillaspezia.it/

Ultimi da CGIL

Assemblea on line della Fp Cgil. Leggi tutto
CGIL
La netta opposizione dei sindacati. Leggi tutto
CGIL

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa