La Spezia, ecco il bilancio 2013 e Piano Opere 2013/15 In evidenza

Questa mattina il sindaco della Spezia Massimo Federici e l'assessore alle politiche di bilancio Francesca Angelicchio hanno illustrato, nel corso di una conferenza stampa, la manovra di bilancio 2013 approvata ieri sera dal Consiglio Comunale. Con loro, il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici, Cristiano Ruggia che ha presentato il Piano delle Opere 2013/2015.

Sabato, 29 Giugno 2013 13:08

Il Comune della Spezia – hanno spiegato sindaco e assessore al bilancio – in un momento di estrema confusione normativa ed enorme incertezza, la peggiore situazione in termini assoluti secondo quanto riferito da ANCI e Legautonomie, è riuscito a far quadrare i conti nei termini previsti dalla legge, senza protrarre l'esercizio provvisorio, che ha in sé delle criticità. Un lavoro tanto più apprezzabile se si pensa che l'85% dei Comuni italiani non ha ancora approvato i preventivi e moltissimi sono in grandissima difficoltà per gli enormi buchi di bilancio, non colmabili con manovre IMU che sono state già fatte nella seconda metà dell'anno scorso (cosa che il Comune della Spezia non ha fatto ). La maggior parte dei Comuni sta valutando concretamente di sopprimere servizi ai cittadini, non più sostenibili.

 

La quadratura del bilancio è stata raggiunta sostanzialmente grazie a tre manovre:

1) contenimento e razionalizzazione dei costi della macchina comunale, operazione che ha visto coinvolti tutti i settori, senza tagli orizzontali ma con risparmi mirati;

2) recupero dell'evasione ed elusione dei tributi locali: nella chiusura del contenzioso ICI dell'Enel il Comune ha avuto un ruolo da protagonista per l'individuazione di una soluzione tecnica, che ha posto fine alla vicenda. Da sottolineare anche il fatto che, in generale, si è rafforzata l'attività di lotta all'evasione / elusione, adottando strumenti più efficaci.

3) manovra sull'IMU, che ha portato un aumento del gettito necessario per gli equilibri di bilancio, ma anche alla diminuzione di alcune aliquote (case ARTE, proprietà indivise, alberghi, cinema, artigiani), in un'ottica di equità e di attenzione nei confronti delle famiglie, delle piccole imprese e degli artigiani, i quali utilizzano la loro proprietà per l'esercizio della propria attività d'impresa.

La manovra, dunque, è stata dunque costruita tenendo ben presenti priorità e categorie che richiedono oggi una particolare attenzione e sostegno.

Nella manovra per il 2013, infatti, non sono state introdotte altre misure che incidono sulla tassazione dei cittadini e delle imprese, ben sapendo che la situazione per entrambe le categorie è particolarmente difficile: non è stata toccata nè la soglia di esenzione nè l'aliquota di imposizione dell'IRPEF; non sono state toccate le tariffe dei servizi alla persona. Il Comune, inoltre, non ha in alcun modo influito sulla Tares, che, per quanto riguarda la parte di competenza comunale, è stata pari a quella dello scorso anno, non sono aumentati gli altri tributi di competenza comunale (Tassa di soggiorno, Cosap, Tosap)

Nonostante i pesantissimi tagli ai trasferimenti ed i risparmi attuati, l'Amministrazione Comunale è riuscita a mantenere in vita tutti i servizi ai cittadini, compresi i fondi per le famiglie bisognose ed i fondi per le imprese in difficoltà. Anzi, le risorse su questo versante (come ad esempio per il fondo Tares e per le imprese) sono state implementate rispetto all'anno scorso.

Nella consapevolezza che l' "entrata Enel" esaurirà i propri effetti nel corso di questo esercizio è stata avviata la messa in atto di riforme strutturali che, negli anni futuri, porteranno a ridurre i costi dell'Amministrazione ( appalti sulle strutture sportive, cimiteri, consumi energetici, maggiori entrate dalle attività culturali..).

IL PIANO DELLE OPERE 2013/2015

La risposta alla crisi: il più grande piano di opere pubbliche dal dopoguerra ad oggi. Per dare qualità urbanistica e sociale alla città e creare lavoro. Negli ultimi anni se si sommano gli interventi POR/FERS pari a circa 30 milioni di euro agli altri lavori eseguiti e previsti nei vari piani delle opere del Comune si può dire che mai dal dopoguerra ad oggi si sono cantierati così tanti lavori

Due interventi che daranno impulso decisivo al processo di rinascita di due quartieri storici della città: la nuova moderna biblioteca al Canaletto nella ex fitram (4,9milioni di euro I e II Lotto) e la Mediateca nell'ex cinema Odeon (1,5 milioni di euro)

Più risorse per la mitigazione del rischio idrogeologico e la cura del territorio. Particolare attenzione è stata posta alla mitigazione del rischio idrogeologico con lo stanziamento di 350 mila euro per l'asporto straorinario di sedime dai canali che si sommano agli altri 300 mila previsti per la manutenzione ordinaria degli stessi. Questi interventi si sommano a quelli più strutturali che sono stati effettuati sul nuovo Dorgia e quelli in corso sul Fossamastra. Ben 2 milioni e trecentomila euro sono destinati alla messa in sicurezza della frana di Montalbano ( finanziata con fondi regionali) mentre 1.5 milioni sono destinati alla mitigazione del rischio idrogeologico a Schiara. Con circa 100 euro sono previsti interventi di miglioramento boschivo e ripristino della viabilità forestale in località S.Antonio.

uno straordinario piano di manutenzione delle scuole. Ammontano a circa 2,3 milioni euro le risorse destinate alla manutenzione straordinaria destinata nelle scuole di proprietà comunale.

più risorse per la manutenzione di strade e marciapiedi. Strade: si passa da 500 a 700mila euro. Marciapiedi da 300 a 350 mila euro.

Il piano delle opere 2013/2015, illustrato dall'assessore ai lavori pubblici Cristiano Ruggia, si caratterizza con due opere importanti, una nella zona del levante al Canaletto con la realizzazione della nuova biblioteca nella ex deposito della Fitram con un investimento pari a 4.9 milioni di euro per il primo e secondo lotto, e nel quartiere Umbertino con la realizzazione della mediateca regionale nell'ex cinema Odeon con un investimento pari a a1.5 milioni di euro.

Nell'intervento del Canaletto è previsto anche l'abbattimento del muro lungo la via in modo da rappresentare concretamente l'apertura di una funzione importante ai cittadini.

Nell'ex Odeon verrà mantenuta la struttura esterna in modo mantenere una immagine identitaria cara a tutti gli spezzini.La mediateca inoltre rappresenta una funzione regionale proprio nella nostra città.

Oltre i due interventi della biblioteca al Canaletto e della Mediateca nel quartiere Umberto I la caratterizzazione del Piano delle Opere più saliente è quella delle manutenzioni.

Infatti si passa dai 500mila euro ai 700 per la manutenzione delle strade, dai 300 ai 350 dei marciapiedi. Altri interventi di miglioramento della viabilità sono previsti sulle intersezioni stradali in via Carducci e la riqualificazione di Via Palmaria con fondi dedicati " progetto porti". E' prevista la realizzazione di due parcheggi a Valdellora via Galvani e al Favaro alto, interventi attesi da anni.

Circa 80 mila euro sono stati stanziati per la manutenzione dei giochi e dell'arredo urbano altri 50 mila per le aree verdi è prevista per il 2014 la manutenzione straordinaria del campetto di Fabiano.

Sono confermati anche quest' anno 70 mila euro dedicati esclusivamente al superamento delle barrire architettoniche nei vari marciapiedi.

Sono stati stanziati 60 mila euro dedicati esclusivamente alla manutenzione delle fontane cittadine in modo da superare un evidente limite nella manutenzione delle stesse.

Ma l'impegno maggiore è quello rivolto alla manutenzione straordinaria delle scuole. Con circa 2 milioni e 300mila euro si potranno eseguire interventi di manutenzione straordinaria nelle scuole di proprietà comunali.

In particolare gli interventi più significativi, grazie a fondi statali stanziati negli scorsi anni, si potrà intervenire nelle scuole materne della Chiappa, di Strà, di Fabiano, di Fossamastra, nelle scuole medie Fontana, di via Bologna-Ferrara, nel nido di Montepertico e sarà realizzato l'adeguamento antisismico alla scuola dei Vicci e saranno eseguiti interventi anche alla scuola elementare di Valdellora. Mentre resteranno ha disposizione di tutte le altre scuole circa 720 mila euro per la manutenzione straordinaria.

Anche al risparmio energetico è stata posta attenzione con la definitiva sistemazione del sistema di pannelli solari e fotovoltaici oltre che cogenerazione del complesso del 2 Giugno con un investimento pari a circa 700 mila euro.

Particolare attenzione è stata posta alla mitigazione del rischio idrogeologico con lo stanziamento di 350 mila euro per l'asporto straorinario di sedime dai canali che si sommano agli altri 300 mila previsti per la manutenzione ordinaria degli stessi. Questi interventi si sommano a quelli più strutturali che sono stati effettuati sul nuovo Dorgia e quelli in corso sul Fossamastra. Ben 2 milioni e trecentomila euro sono destinati alla messa in sicurezza della frana di Montalbano ( finanziata con fondi regionali) mentre 1.5 milioni sono destinati alla mitigazione del rischio idrogeologico a Schiara. Con circa 100 euro sono previsti interventi di miglioramento boschivo e ripristino della viabilità forestale in località S.Antonio.

Nel quartiere di Melara sono previsti interventi di rifacimento dei bagni e degli infissi della scuola Cattaneo per circa 380 mila euro oltre a 50 mila per il parco dei Cigni e 375 mila per opere di riqualificazione della zona di Via Dei pini questi interventi assieme al recente nuovo affidamento della gestione dell'area verde saranno interventi che riqualificheranno appunto il quartiere.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Giacomo Cavanna - Cerimonia sobria a causa della pandemia, ma rimane alto il valore e l'orgoglio dei Comsubin. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
"Ho parlato con il ministro dello sviluppo economico Patuanelli chiedendo di intervenire sull’atto della direzione generale che blocca la decarbonizzazione della centrale di Spezia.Mi ha garantito che scriverà nelle prossime… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa