IMU agricola, CIA: "Riconosciute nostre istanze, ora si lavori a revisione" In evidenza

l Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge contenente misure urgenti in materia di esenzione IMU che va a ridefinire i parametri precedentemente fissati, ampliandone la platea. 

Sabato, 24 Gennaio 2015 14:19
Il testo prevede che a decorrere dall'anno in corso, 2015, l'esenzione dall'imposta municipale propria (IMU) si applica:

a)  ai terreni agricoli, nonché a quelli non coltivati, ubicati nei Comuni classificati come totalmente montani, come riportato dall'elenco dei Comuni italiani predisposto dall'Istat;

b)   ai terreni agricoli, nonché a quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli  imprenditori agricoli professionali, di cui all'articolo 1 del decreto legislativo del 29 marzo 2004 n. 99, iscritti nella previdenza agricola, ubicati nei Comuni classificati come parzialmente montani, come riportato dall'elenco dei Comuni italiani predisposto dall'Istat.

Tali criteri si applicano anche all'anno di imposta 2014. Per l'anno 2014 non è comunque dovuta l'Imu per quei terreni che erano esenti in virtù del decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze, di concerto con i Ministri delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, e dell'Interno, del 28 novembre 2014 e che invece risultano imponibili per effetto dell'applicazione dei criteri sopra elencati. I contribuenti, che non rientrano nei parametri per l'esenzione, verseranno l'imposta entro il 10 febbraio 2015.

"Le nostre ragioni sono state riconosciute - dichiara Aldo Alberto, presidente CIA Liguria -. Sono state ripristinate le condizioni di esenzione per l'IMU nei terreni montani e parzialmente montani, mantenute le agevolazioni per gli imprenditori agricoli e rinviato il pagamento al 10 febbraio.  Un risultato importante conseguito grazie alle nostre sollecitazioni, all'impegno di CIA Nazionale e alla disponibilità dei parlamentari locali. Il Governo ha posto rimedio a un pasticcio e questo ci dà il tempo di poter affrontare con calma il tema della tassazione dei terreni che, pur migliorata rispetto alla situazione che si era determinata, risulta ancora molto penalizzante per molte imprese della nostra regione anche a causa di estimi catastali spropositati. Siamo soddisfatti del risultato, ma abbiamo consapevolezza che non tutto è risolto e che è sempre più necessaria una revisione complessiva dell' IMU per il settore".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...
CIA

Piazza Cesare Battisti, 21
19121 La Spezia SP

Tel. 0187 754959

www.cialiguria.com/

Ultimi da CIA

Il Presidente Aldo Alberto: "Situazione insostenibile, servono misure immediate, ne va della sopravvivenza del settore agricolo" Leggi tutto
CIA
"Per aiutare le imprese in questa delicata fase di uscita dalle problematiche della pandemia c'è bisogno di una vera rivoluzione tecnologica". Leggi tutto
CIA

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa