Contrasto alle false cooperative: in Camera di Commercio apre lo sportello "Presidio Legalità" In evidenza

di Dayla Villani - Nella sede spezzina della Camera di Commercio Riviere di Liguria, apre uno sportello che favorisce la legalità d’impresa e la sana cooperazione.  Il vicepresidente Mazzola “E’ un lavoro in primis culturale”.

Lunedì, 18 Giugno 2018 15:42


Dopo le altre 3 provincie liguri, anche alla Spezia ci sarà un vero e proprio sportello per la legalità che nasce dalla collaborazione tra Camera di Commercio Riviere di Liguria, Alleanza delle Cooperative e Ufficio Territoriale del Lavoro e all’interno di un più ampio impegno da parte dell’Alleanza delle Cooperative che ha visto e vede diverse iniziative volte a garantire un mercato regolare e trasparente.

 

Il “Presidio Legalità” sarà aperto tutti i martedì dalle 15 alle 17 con l’obiettivo di informare e di raccogliere, in forma strettamente riservata, segnalazioni di episodi di infiltrazione mafiose e malaffare per agire insieme al contrasto delle illegalità in impresa e a favore della sana cooperazione.

“Occorre sempre più avere attenzione verso la legalità – ha sottolineato Davide Mazzola, Vice presidente Camera di Commercio Riviere di Liguria - E’ un lavoro culturale che deve far sentire associazioni, imprenditori, lavoratori al centro di un progetto. Bisogna rendere tutti partecipi e capire quali siano i gradi di irregolarità sia nelle pubbliche amministrazioni che nelle aziende e bisogna anche essere in grado di segnalarlo”.

“L’efficacia di tale attività – ha spiegato la Dott.ssa Tarabella, Direttrice Ispettorato del Lavoro della Spezia - è necessaria per contrastare il fenomeno delle false cooperative che utilizzano lo schema giuridico non per finalità mutualistica, un fenomeno non nuovo ma piuttosto attuale. La verifica viene fatta a tutti gli operatori economici - che siano cooperative o non - ma questa attività si interseca con il fenomeno delle cooperative spurie che molto spesso viola le norme sul lavoro a danno del lavoratore e della collettività e portandosi dietro anche l’evasione contributiva. E’ un vero e proprio fenomeno di inquinamento del mercato. Nella sua attività di vigilanza l’ispettore ha l’obbligo di fare attenzione a quegli indici che possano esser spia di assenza di mutualità. Inoltre, dobbiamo ricordare che presso l’ispettorato è costituito l’Osservatorio Provinciale della cooperazione con finalità di indirizzare le attività ispettive su cooperative false a livello provinciale”.

Anna Vivaldi - referente Confcooperative La Spezia - ha spiegato come un grande problema sia costituito dagli appalti e come il ruolo dell’ispettorato dovrebbe esser più attivo poiché troppo spesso ci sono gare al massimo ribasso.

Infine, Enrico Casarino ha portato l’attenzione sul rispetto della legalità come principio fondante: “La legalità non è una parola vuota ma molto concreta e questo significa rispettare i lavoratori in primis. L’Osservatorio è uno degli strumenti che permette di monitorare questa situazione e anche per portare il mondo cooperativo a fare di più sulla responsabilità sociale d’impresa”.

Di cosa si occuperà nello specifico lo sportello?
- monitoraggio delle realtà spezzine attraverso la promozione e l’accompagnamento alle adesioni delle cooperative al protocollo nazionale di legalità, firmato da Alleanza Cooperative nazionale ed il Ministero dell’Interno. Il protocollo prevede l’applicazione della prevenzione antimafia e favorisce la più diffusa ed omogenea applicazione delle innovative disposizioni introdotte su tutto il territorio nazionale;
- promozione all’adesione al brand di Qualità Cooperativa per il contrasto alla falsa cooperativa rivolta a tutti i soggetti, anche non cooperatori, compresi gli enti pubblici che ne faranno richiesta;
- ruolo di sostegno alle azioni di whistleblowing (denuncia di condotte illecite), così come previsto dall’Autorità Anticorruzione;
- promozione del Registro delle imprese socialmente responsabili della Liguria, come previsto dal protocollo a favore delle azioni di contrasto all’illegalità in impresa, firmato ad agosto 2017;
- monitorare le aderenti al brand e al protocollo, unitamente agli organismi preposti (Osservatori sulla cooperazione e Prefetture), così come previsto dalle linee guida per l’utilizzo del Brand;
- promuovere percorsi formativi e informativi sulle discipline vigenti e gli aggiornamenti sui temi legati all’anticorruzione, disciplina appalti, riforma legge 109/96, organizzati da Alleanza Cooperative in collaborazione con i partner di progetto.

Per appuntamenti scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Parte la nuova rassegna di SdC onlus dall’11 dicembre Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa