Alla Spezia si guarda all’energia del futuro: meeting internazionale in Asg In evidenza

Un incontro per fare il punto sul progetto “Iter”, che prevede la costruzione di un reattore a fusione nucleare. Malacalza: “Il nostro è un caso di successo”.

Venerdì, 22 Giugno 2018 15:28


“È il progetto che ci darà l’energia del futuro”. Non usano mezzi termini allo stabilimento di Asg Superconductors alle Pianazze. Stamattina via Melara si è trasformata in un crocevia di teste pensanti arrivate da mezzo mondo. Sotto il cielo plumbeo e una pioggerella lenta e sottile, alle 9 di mattina una folta delegazione giapponese e sudcoreana è arrivata in pullman ai cancelli del complesso, per poi entrare di filato all’interno.

Da una parte strumentazioni e macchinari anonimi impegnati nel progetto “Iter”, la costruzione di un reattore a fusione nucleare nel centro di ricerca francese di Cadarache, dall’altra i completi eleganti dei tecnici stranieri.

Tutti riuniti nella periferia spezzina per fare il punto sulle attività di Asg, che l’anno scorso ha sfornato il primo magnete superconduttore previsto da “Iter”, con la promessa ambiziosa di ottenere energia pulita grazie alle nuove tecnologie.

“Il nostro è un evidente caso di successo nell’ambito della riqualificazione industriale”, ha detto stamani Davide Malacalza, presidente dell’azienda che oggi in Liguria impiega circa duecento persone in quattro stabilimenti. Sì perché prima dei supermagneti alle Pianazze si guardava più umilmente alle casalinghe: ad occupare lo stabilimento era la San Giorgio Elettrodomestici, che negli anni ’60 divenne un riferimento nazionale nella produzione di lavatrici. Poi nel 2010 l’acquisizione e l’inizio di un nuovo percorso. Non privo di difficoltà, come testimonia il recente sciopero dei lavoratori per i nove licenziamenti annunciati dall’azienda all’interno del piano di riorganizzazione del gruppo (venerdì prossimo i sindacati verranno ascoltati in commissione comunale).

“Ci stiamo focalizzando nel creare una compagnia high-tech unica”, ha aggiunto stamattina l’amministratore delegato di Asg Sergio Frattini, davanti all’assessore regionale allo sviluppo economico Andrea Benveduti. La costruzione dei magneti, infatti, trova applicazione non solo nel campo della fusione termonucleare, ma anche in quello della ricerca medica. Ulteriori collaborazioni con India, Giappone e Corea oggi sono possibilità concrete. Dieci bobine superconduttrici delle diciannove previste dal progetto “Iter”, al termine dei lavori, saranno opera proprio dello stabilimento spezzino di Asg.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Un libro che raccoglie sessantotto fotografie ognuna accompagnata da una poesia scritta da Noemi Bruzzi che hanno l'intento di rappresentare la nostra Città in tutte le sue sfaccettature Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Via Sarzana chiusa all'altezza di via dei Pini. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa