Riciclo dei pannelli fotovoltaici

Lunedì, 10 Luglio 2017 10:43

Pannelli e della loro composizione, costituita da più strati, tra i quali, un vetro temprato, le celle fotovoltaiche, costituite da due substrati di materiale sintetico saldate e tenute insieme da un processo di laminazione, una pellicola PVF e una cornice in metallo anodizzato. A questi componenti devono essere aggiunti la scatola di giunzione e i cavi.

Non dimentichiamo, inoltre, che le celle dei moduli cristallini sono costituite da silicio, che non perde le proprietà di assorbimento dell'irraggiamento solare, e per questo i pannelli possono essere riciclati e riutilizzati, a eccezione dei pannelli in Film sottile, che contengono una percentuale di silicio molto basso.

Un pannello fotovoltaico è costituito, dunque, da più materiali che necessitano di un'opera di bonifica e smaltimento differente e ciò implica un processo preventivo di separazione di ogni tipologia di materiale. Il silicio, per esempio, non è un materiale nocivo per la salute dell'uomo o dell'ambiente, ma all'interno del modulo sono presenti altre sostanze come il telluro di cadmio, un materiale dannoso, ancora utilizzato in alcune tecnologie, e per la quale la ricerca investe nel trovare una sostanza alternativa da impiegare nei processi di lavorazione in cui è necessario.

Per gestire in maniera ottimale l'operazione di smaltimento dei pannelli, attualmente esistono delle aziende che hanno l'obiettivo di semplificare e ridurre i costi di bonifica, come il consorzio no-profit Pv Cycle o il progetto SunMeet, nato dagli accordi siglati tra Cobat (Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo) e il Comitato Ifi che unisce l'80% delle ditte produttrici di fotovoltaico.

Il primo, il Pv Cycle, nato solo nel 2007, vanta uno straordinario successo per le sue idee miranti lo sviluppo di un fotovoltaico sostenibile e doppiamente verde, proponendo alle aziende un percorso formativo per aderire al processo di recupero e raccolta dei moduli solari, alla stregua del secondo, il SunMeet, entrambi capaci di fornire un servizio indispensabile per chi acquista un sistema fotovoltaico e pensa al suo futuro.

Il progetto prevede che tutte le parti metalliche e di vetro verranno riciclate in Italia, mentre la cella solare verrà portata all'estero per lo smaltimento, riducendo sensibilmente l'emissione di gas serra nell'ambiente anche durante questo processo.

CHE COSA DICE LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI SMALTIMENTO E RICICLO?

Con il decreto ministeriale del 5 maggio 2011, chiamato anche IV Conto Energia, con entrata in vigore dal 30 giugno 2012, all' Art 11.6(a), il Ministero allo Sviluppo economico e il Ministero all'Ambiente hanno previsto, per i produttori e importatori, l'obbligo di adesione a un consorzio per il recupero dei pannelli fotovoltaici, in un processo di responsabilizzazione per entrambi i soggetti coinvolti: produttore e utente. I pannelli fotovoltaici, infatti, sono stati inclusi anche nella direttiva europea sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) a fine vita.

Attualmente, in Italia, vi sono numerosi consorzi che adempiono alla raccolta, al trattamento e al riciclo di tutte le componenti dei pannelli solari e, fra i tanti, indichiamo la ReMedia. Questa attività, svolta con attenzione e sensibilità, ha portato il territorio italiano a posizionarsi al primo posto nella graduatoria mondiale per potenza entrata in esercizio nel 2011, oltre al fattore di riciclo dei componenti dal quale si può ricavare vetro, alluminio, indio, gallio, selenide, materiali a rischio esaurimento. Per maggiori informazioni, leggi anche l'articolo dedicato a produttori e importatori di impianti fotovoltaici.

QUANTO COSTA LO SMALTIMENTO DEI PANNELLI SOLARI?

E' difficile indicare una cifra, anche se il prezzo medio si aggira intorno alle 250 euro per tonnellata. Ciò significa che lo smaltimento per un impianto domestico da 3 kWp, che pesa circa 270-80 Kg, costerà intorno alle 70 euro.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)
...
TecnoEnergia

Tecnoenergia S.r.l. è una ditta installatrice che opera su tutto il territorio della provincia di La Spezia, Massa - Carrara e la Lunigiana.

Operiamo nel settore delle energie rinnovabili, riqualificazione energetica degli edifici, riscaldamento, raffrescamento e sistemi di protezione per la casa.

Col nostro team di professionisti potrai avere soluzioni mirate per risparmiare sulle tue bollette, garantendo il miglior rapporto qualità/prezzo sul mercato.

www.tecnoenergialaspeziasrl.com/

Ultimi da TecnoEnergia

Il sistema è costituito da una caldaia murale a condensazione di ultima generazione e da una pompa di calore gestite da un sistema di controllo elettronico brevettato: 35% più efficiente… Leggi tutto
TecnoEnergia

Con la caldaia ibrida e fotovoltaico risparmi!

Giovedì, 16 Novembre 2017 09:17 edilizia
Il sistema è costituito da una caldaia murale a condensazione di ultima generazione e da una pompa di calore gestite da un sistema di controllo elettronico brevettato: 35% più efficiente… Leggi tutto
TecnoEnergia

Notice: Undefined property: K2ViewItem::$relatedItems in /home/uxhnwmag/domains/gazzettadellaspezia.it/public_html/templates/ja_teline_v/html/com_k2/default/item_tagrel_w2l.php on line 3

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa