Cade il Governo, Conte si dimette e va da Mattarella In evidenza

Il Presidente del Consiglio attacca duramente Salvini, seduto al suo fianco, e annuncia la conclusione del Governo.

Martedì, 20 Agosto 2019 16:37

Ci siamo, il 20 agosto è arrivato e oggi, nell’aula del Senato, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato chiaramente, togliendosi non pochi sassolini dalle scarpe e, come previsto, non ha risparmiato il ministro dell’Interno Matteo Salvini, tacciandolo di “grave carenza di cultura costituzionale” e accusandolo di “grave imprudenza” per aver innescato la crisi.

“È contradditorio il comportamento di una forza politica che dopo aver proposto la sfiducia al governo non ritira i propri ministri - ha detto Conte - Amici della Lega, per preparare la scelta del voto avete tentato di accreditare maldestramente l'idea di un governo dei no, avete macchiato 14 mesi di attività di Governo, avete offeso la dedizione dei vostri stessi ministri e segretari. Dopo le elezioni europee, il ministro Salvini ha posto in essere un progressivo distacco dal Governo, che ha finito anche per distrarlo dai suoi compiti istituzionali pur di cercare qualche pretesto per la crisi di Governo. Caro Matteo, promuovendo questa crisi ti sei assunto una grave responsabilità, ti ho sentito invocare le piazze a tuo sostegno e questa tua concezione mi preoccupa”.

“Non abbiamo bisogno di uomini con pieni poteri – ha proseguito Conte – ma di persone con senso di responsabilità e senso istituzionale, se tu avessi mostrato cultura delle regole l’intera azione di governo ne avrebbe tratto giovamento. Quest’anno ho provato a partire subito per elaborare un’adeguata manovra economica, ti ho chiesto di indicarmi i delegati della Lega per i tavoli governativi, ma mi hai fatto aspettare due mesi invano”.

Poi l’annuncio sull’iter istituzionale della crisi: “Ascolterò con attenzione i vostri discorsi, poi mi recherò dal presidente della Repubblica e rassegnerò nelle sue mani le mie dimissioni. Mattarella, garante degli equilibri istituzionali, guiderà il paese in questo passaggio. Rinnovo la mia profonda gratitudine per il sostegno di cui mi ha onorato, ringrazio i parlamentari di maggioranza e anche quelli di opposizione. Questo incarico mi lasica una grande eredità e mi trasmette e spero possa trasmettere grande fiducia per i futuro del nostro Paese. Si può fare politica senza inseguire i social o dover dipendere dal titolo di un giornale, senza insultare un avversario politico o inventarsi nemici dietro ogni angolo”.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Un’occasione unica per imparare un mestiere ed un’esperienza che sarà indimenticabile nella vita dei partecipanti. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Prosegue con successo il 44° Torneo Locanda Alinò

Mercoledì, 18 Settembre 2019 09:01 calcio
Venerdì dalle ore 20.00 si decideranno le finaliste Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa