Cantieri San Marco, Bellegoni (FIOM): “Grave l’atteggiamento di chiusura totale dell’azienda”

Ieri, durante l'incontro tra FIM, FIOM e UILM e Gabriele Calderan per la proprietà dei Cantieri San Marco in Confindustria La Spezia, l'azienda ha ufficializzato la richiesta di cassa integrazione per un massimo di 50 lavoratori su gli attuali 73.

Mercoledì, 24 Aprile 2013 11:52

FIM, FIOM e UILM, esponendo le loro preoccupazioni sul futuro del cantiere, per valutare l'attivazione di un ammortizzatore sociale ha chiesto che preventivamente l'azienda presentasse un piano industriale, per essere sicuri che la cassa sia richiesta per fronteggiare una congiuntura di mercato negativa temporanea e non per problematiche strutturali del cantiere che potrebbero presagire ulteriori diminuzioni dei livelli occupazionali.

"Ora il cantiere ha una forza lavoro diretta non in grado di poter affrontare la produzione interna - dice Matteo Bellegoni della Segreteria FIOM - tanto è vero che l'azienda è costretta a ricorrere a ditte in appalto, a fronte di un impegno preso con i sindacati e Istituzioni nel lontano 2000 di assumere 220 unità. L'azienda, durante la trattativa, ha tenuto un atteggiamento di totale chiusura, che giudichiamo grave, mettendoci di fronte al fatto compiuto di una richiesta di cassa integrazione senza fornire alcuna spiegazione richiesta. A questo punto, abbiamo chiesto e ottenuto, a larghissima maggioranza, dall'assemblea dei lavoratori il mandato a non firmare il verbale di accordo. Chiediamo alle Istituzioni di attivare al più presto un tavolo di confronto."

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CGIL

Via Bologna, 9

Tel.: +39 0187547111
Fax: +39 0187516799

www.cgillaspezia.it/

Ultimi da CGIL

L'Ufficio immigrati del Patronato Inca è a disposizione per informazioni e consulenze. Leggi tutto
CGIL

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa