Battistini: "Sanità da catena di montaggio, l'incubo diventa realtà" In evidenza

Il Consigliere regionale denuncia il caos nelle sale d'attesa, dovuto a prenotazioni di visite troppo ravvicinate.

Giovedì, 09 Gennaio 2020 18:37

 

A inizio dicembre una decisione strampalata del Commissario di ASL5, la dottoressa Troiano, si proponeva di abbattere le liste d'attesa riducendo i tempi per le visite specialistiche.
L'idea folle mirava a contingentare il tempo massimo per una visita passando dagli oltre 30 minuti a circa 15. Un'idea di Sanità da catena di montaggio dove inevitabilmente si sarebbe persa la qualità a vantaggio, forse, della quantità.

Una strategia che subito osteggiammo assieme alle sigle sindacali che sollevarono il problema rispolverando la memoria del dottor Tersilli, il medico della mutua di Alberto Sordi. Una parodia, quella, in cui in nome del profitto veniva sacrificata la salute, dei pazienti ma anche dello stesso medico.

Qualche ora dopo grazie alla presa di posizione di sindacati e opposizione la dirigenza ASL fece retromarcia ritirando questa soluzione balzana. Il caso pareva essere risolto ma, come spesso accade nella nostra ASL, pare che la realtà sia sempre diversa dalle chiacchiere della dirigenza.

Questa mattina, infatti, in alcune sale d'attesa di importanti ambulatori specialistici regnava il caos. Le prenotazioni delle prime visite erano state inserite in modo che il medico potesse vedere un paziente ogni 15 minuti.
Impossibile fare una diagnosi seria in un tempo così ridotto. Ed è così che il buon senso e la professionalità dei nostri medici non si è piegata ai tempi imposti e ha privilegiato il rapporto col paziente e la qualità del processo di diagnosi. Il risultato però è stato quello di un notevole affollamento degli studi e qualche inevitabile protesta.

È necessario intervenire subito ma questa volta veramente. Le visite devono svilupparsi in un tempo congruo tale da permettere al medico di capire bene la situazione e al paziente di essere soddisfatto. Non esistono scorciatoie di questo tipo.

Per abbattere le liste d'attesa servono investimenti e non sciocchezze simili. Bisogna inserire più personale ed efficientare l'organizzazione di reparti e ambulatori.


Francesco Battistini
Consigliere Regionale Italia in comune/Linea Condivisa

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Terremoto di magnitudo 2.4 a Tresana (MS)

Giovedì, 20 Febbraio 2020 23:02 cronaca
La scossa è stata registrata circa 30 minuti fa. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa