Centro Barontini, Bellegoni: "L'amministrazione attacca la rete associativa sarzanese" In evidenza

Il Segretario regionale del PCI spera nell'unità e nella mobilitazione dei cittadini.

Domenica, 29 Novembre 2020 09:38
Matteo Bellegoni Matteo Bellegoni

E' evidente da tempo, fin dal suo insediamento, come alcuni spazi associativi, fondati su certi valori, siano d'intralcio e di disturbo all'Amministrazione sarzanese che continua a portare avanti un vero e proprio attacco nei confronti della rete associativa e di volontariato del territorio.

 

Riguardo il Centro sociale Barontini, prossimo alla chiusura, basta leggere il bando di nuova assegnazione per rendersi conto di come l'operazione sia stata "pilotata" per arrivare a diverse modalità di gestione ed organizzazione di uno spazio che da 28 anni è fulcro e punto di riferimento culturale e sociale per la comunità sarzanese, in particolare per gli anziani che sono un bene prezioso, la memoria storica della nostra città, la testimonianza vivente di tutte le nostre tradizioni e di quanto è necessario preservare per la conoscenza e la ricchezza culturale di noi tutti.

La chiusura del "Barontini" riduce in città i presidi di incontro, di supporto ai Sarzanesi ed alle tante associazioni che operano nel territorio e "mina", in maniera importante, la socialità di una fascia di popolazione fragile, quella degli anziani, che andrebbe tutelata e preservata e non trattata con superficialità e disinteresse facendo emergere distinzioni tra generazioni che fanno rabbrividire.

D'altronde il tweet di qualche settimana del Presidente Toti e quello di qualche giorno fa del consigliere comunale di Pavia, Niccolò Fraschini, rendono chiara ed inequivocabile la natura cinica e disumana di una certa cultura politica figlia del capitalismo più becero e di una profonda mancanza di valori di cui l'Amministrazione comunale sarzanese è degna rappresentante, disinteressata nella tutela delle fasce più deboli della popolazione.

Almeno sul Centro Sociale Barontini, già nei mesi scorsi, avevamo auspicato un comportamento responsabile di Sindaco e Amministrazione ma il “modus operandi” si è rivelato il solito di precedenti occasioni.

Confido in una pronta risposta dei miei concittadini, a partire dalla mobilitazione prevista questa mattina che, come Partito Comunista Italiano, ci vedrà presenti.

Dispiace, su un tema così importante per la città, dopo una prima volontà di mantenere apolitico il presidio e nonostante la nostra disponibilità, dover constatare l'esclusione del nostro Partito dal documento condiviso delle forze d'opposizione che vorrebbero rappresentare la "sinistra".

D’altronde, il PCI, è rimasta l'unica forza di sinistra strutturata a Sarzana; probabilmente, per qualcuno, quello è il problema.


Matteo Bellegoni
PARTITO COMUNISTA ITALIANO
Segretario regionale Liguria

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Partito Comunista Italiano

Diventerà, oltre alla sezione locale, anche la sede della Federazione spezzina del partito. Leggi tutto
Partito Comunista Italiano
"E' in grado di invertire la rotta del Comune" Leggi tutto
Partito Comunista Italiano

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa