263 assunzioni per l'Arsenale della Spezia, la richiesta di Raffaella Paita In evidenza

"Lavorando tutti insieme, maggioranza e opposizione, si può fare".

Venerdì, 04 Dicembre 2020 17:05

 

L'assunzione a tempo indeterminato di 263 persone per consentire la piena funzionalità dell'arsenale militare della Spezia: è quanto chiede la deputata di italia Viva Raffaella Paita con l'emendamento presentato alla legge di Bilancio, che è tra i segnalati della maggioranza.

"Con questo emendamento - ha dichiarato la deputata a La Presse - si garantisce all'arsenale di funzionare e quindi si assicura alla struttura spezzina una certezza circa il suo futuro. Ora non si tratta che di unire le forze, tra tutti quelli che hanno lavorato su questo tema, sia di maggioranza che di opposizione, per arrivare all'approvazione. Spero che il governo e tutte le componenti politiche sostengano questa iniziativa per arrivare a un risultato che sarebbe una vittoria per tutta la città".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Un nuovo video diffuso dall'assessore Casati Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il commento delle forze politiche di opposizione, Partito Democratico - Lista Sansa - Movimento Cinque Stelle - Linea Condivisa Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa