Biodigestore, Bufano: "Gli altri partiti di destra la pensano come Toti?"

L'esponente del PD sarzanese sottolinea il "silenzio assordante" di Lega, Forza Italia, Fratelli d'italia e Liguria Popolare.

Venerdì, 11 Dicembre 2020 19:44

Sul biodigestore di Saliceti la Destra regionale e locale è schizofrenica.
Non ha mosso un dito quando le associazioni ambientaliste, sulla base di autorevoli pareri tecnici, ne hanno evidenziato la nocività, né quando i sindaci interessati - a nome delle loro intere comunità - hanno manifestato la loro contrarietà, né quando i cittadini sono scesi massicciamente in piazza.

 

Ieri è stato addirittura il Ministro dell'Ambiente ad intervenire per sollevare pesanti dubbi e per chiedere di sospendere le procedure di approvazione (come gli era consentito fare, lo ha chiarito bene il più autorevole giurista ambientale che abbiamo dalle nostre parti...).

Ci saremmo aspettati - di fronte alla circostanza che la diversità di vedute investe la maggiore autorità istituzionale del Paese in campo ambientale - che una risposta provenisse dal presidente Toti o - coralmente - da tutte le forze politiche che lo sostengono (Lega, Fratelli d'Italia, Forza Italia, Liguria Popolare).
Invece - sorprendentemente - da quattro su cinque dei partiti della destra che governa la Liguria - un silenzio assordante, sia a livello regionale che a livello locale.

È intervenuto solo il gruppo consiliare regionale di Cambiamo (il partitino personale di Toti) per ribadire a Sansa che il biodigestore si farà, senza se e senza ma, giacché rappresenta il frutto di un inarrestabile progresso dell'umanità che i nostalgici della preistoria (sindaci, ambientalisti, comitati, cittadini e ora anche quel 'cavernicolo' del Ministro) vorrebbero ostacolare.

Ma da Leghisti, Meloniani, Forzisti e da ciò che resta di Liguria Popolare non è arrivata neppure una parola a difesa del biodigestore di Saliceti e della forzatura di Toti.
E del resto la senatrice Pucciarelli e l'on. Viviani hanno da tempo manifestato seri dubbi sull'operazione, così come Costa e Ponzanelli di Liguria Popolare e Cenerini di Forza Italia, anche se nessuno di loro ne ha mai fatto seguire iniziative concrete di contrasto al progetto. Solo Fratelli d'Italia ha sempre taciuto imbarazzata, e continua a farlo.

Oggi Regione e Provincia, entrambe a guida totiana, in conferenza dei servizi hanno dato il via libera al progetto del biodigestore di Saliceti, sprezzanti dell'opinione dei sindaci e delle comunità interessate e della richiesta del Ministro dell'Ambiente di sospendere l'iter della pratica.

Ma allora è lecito chiedersi: perché - di fronte alla discesa in campo del Governo - hanno parlato e hanno assunto decisioni soltanto i Totiani di stretta osservanza?
E perché gli altri (Leghisti, 'Costiani', Forzisti) ancora non si sono pronunciati? Sono imbarazzati perché continuano ad essere in disaccordo con Toti sull'argomento o perché hanno piegato la testa di fronte al superpresidente e si vergognano di ammetterlo?


Paolo Bufano
PD Sarzana

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa