Detriti alla foce del Magra, Gagliardi (Cambiamo!): "Un disastro annunciato, governo assente"

"Avevamo chiesto al governo di sostenere gli enti locali nelle operazioni di raccolta e smaltimento"

Domenica, 24 Gennaio 2021 16:32

"Sulle piene del Magra e le sue conseguenze niente di nuovo sotto il sole: un'altra allerta meteo ed ecco che ci si risveglia con l'ennesimo cumulo di detriti di ogni tipo che si deposita sulle spiagge di Marinella, Fiumaretta e Bocca di Magra". Così la deputata di Cambiamo! Manuela Gagliardi interviene sull'annoso problema dei rifiuti riversati sui litorali dei comuni di Sarzana ed Ameglia, in seguito alla piena del fiume Magra, più volte segnalato.


"Non era difficile prevedere tutto ciò, come avevamo detto più volte in passato - prosegue Gagliardi - Avevamo chiesto al governo di sostenere gli enti locali nelle operazioni di raccolta e smaltimento, ponendo così fine ai suoi ritardi e inadempienze su questo tema, visto che il Magra è un corso d'acqua che attraversa più regioni. Personalmente ho presentato un emendamento alla legge di bilancio, che andava proprio in questo senso. Invece, ancora una volta, saranno i sarzanesi e gli amegliesi a dover pagare questi disastri ambientali. Spero che spieghino perché non hanno sostenuto questa proposta di solo buonsenso".


"Abbiamo rischiato di vedere spiaggiato persino il furgoncino di Bartolini (trascinato dalla corrente e ritrovato all'incrocio tra i due fiumi, ndr) rimasto incastrato tra i resti del ponte di Albiano Magra, perché nessuno si è ancora occupato seriamente della questione, a quasi un anno dal crollo. Quali saranno i prossimi detriti che i sindaci di Sarzana ed Ameglia dovranno rimuovere? Perché buona parte del ponte è ancora lì - aggiunge la parlamentare - Tutto questo è inaccettabile, non ci si può voltare dall'altra parte e lasciare gli amministratori locali, spesso di piccoli comuni, in balia del loro destino. Non possono più far fronte a spese enormi per pulire le loro spiagge, senza essere in alcun modo responsabili. Sinora solo Regione Liguria è intervenuta per aiutare i sindaci del territorio, per quanto di sua competenza, ovvero nelle operazioni di raccolta, mentre lo smaltimento resta a carico dei comuni e, alla fine, grava sulle spalle dei cittadini, perché si traduce in un aumento della Tari".


"Ricordo che in dieci anni, insieme alla vicina Marina di Carrara con cui condividiamo il problema, sono stati spesi più di 10 milioni di euro, soldi preziosissimi per i comuni, che i sindaci avrebbero potuto impiegare diversamente e meglio a vantaggio dei loro territori. È ora di porre fine a questa situazione, i cittadini che vivono alla foce del Magra sono stanchi di pagare e pulire per i rifiuti di altri", conclude.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Elena Voltolini - Probabilmente sarà presentato già domani. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
di Giacomo Cavanna - Primo appuntamento con pittori e ballerini per la serata organizzata dalla Consulta Giovani. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa