Commercio, nuovo passaggio in commissione per l'Intesa tra Comune e Regione

Dopo aver ascoltato le associazioni di categoria a dicembre, la commissione si prepara alla votazione, prevista per il 4 marzo. Oggi viene ascoltato l'assessore Brogi. 

Giovedì, 25 Febbraio 2021 22:05

 Si sta delineando il nuovo piano del commercio, che come avevamo raccontato a dicembre, prevede divieti e la suddivisione del centro città in zone gialle e zone rosse; una serie di nuove regole scritte in un protocollo d’intesa che, dopo l'approvazione in consiglio comunale, sarà inviato alla Regione.

Il 4 marzo la commissione è chiamata a riunirsi nuovamente per ascoltare i Circoli ricreativi e votare il documento, mentre oggi sono state rivolte alcune domande all'assessore Brogi anche alla luce di alcune modifiche apportate al documento dopo un confronto con la Regione, come fatto notare da Guido Melley, che riguardano il proprio il punto riferito ai Circoli.

"Abbiamo sentito l'esigenza di precisare meglio il punto che riguarda i circoli- ha spiegato l'assessore Brogi- ma ci siamo resi conto che serve una regolamentazione ad hoc perchè purtroppo negli anni ci siamo trovati ad una degenerazione: hanno aperto sì tanti circoli onesti, che portano avanti una attività culturale imprescindibile, ma anche tanti falsi circoli, quindi per questo approfondiremo il tema nella commissione apposta convocata per il 4 marzo".

Il tema però si sposta subito sul tema più urgente, la crisi economica che sta patendo il settore della ristorazione, visto che nel documento si fa riferimento ad un 'saldo di copertura debiti dell'anno precedente' per la riapertura dei dehor, secondo Pecunia "Serve uno sforzo, una sanatoria, per consentire alle attività di riaprire ad aprire sfruttando gli spazi esterni. Da qui dipendono centinaia di posti di lavoro e dobbiamo ascoltare il grido di aiuto di questi lavoratori. Congeliamo i debiti fino al 31 dicembre 2021 e poi pattuiamo una rateizzazione, ma permettiamo di aprire gli spazi esterni".

Anche Saccone ha appoggiato la proposta: "Per chi ha sempre pagato e che soltanto nel momento del Covid hanno avuto delle mancanze dei pagamenti. E' necessario fare questa distinzione e non parlare di moratoria".
Sul tema vero e proprio del protocollo, secondo Saccone "E' apprezzabile l'aver tolto l'obbligo di smontare i dehor ogni anno rimuovendo solo le parti laterali e anche la possibilità di abbellire gli spazi esterni senza pagamenti ulteriori, ma solo dopo l'approvazione, cosa che ho sempre trovato incredibile".

Sul tema delle esenzioni e ristori ha spiegato Brogi: "Ci mettiamo a disposizione e mi faccio anche io promotore di questa proposta di andare verso un congelamento, ma questo dipenderà non dal Comune, ma dai vari DL. Faremo comunque molte attenzione al tema, anche se questo tema non riguarda strettamente il tema della commissione di oggi, posso dire che è senz'altro un tema che riguarda il mio assessorato, per questo assicuro la mia disponibilità".

Per quanto riguarda i dehor e gli ornamenti ha spiegato Brogi: "Si tratta di una rivoluzione epocale, che porterà sicuramente molti vantaggi anche economici, perchè prevedere di montare e smontare ogni volta i dehor era veramente uno sforzo importante. L'altra grande rivoluzione riguarda gli abbellimenti, che sono soggetti ad una autorizzazione valida per 5 anni, senza costi ulteriori. Prima di poteva fare, ma con un rinnovo annuale, per questo i commercianti venivamo molto spesso multati".

Dunque la discussione sul protocollo d'intesa resta aperta: il 4 marzo verranno ascoltate le associazioni di Circoli ricreativi e poi si andrà alla votazione del protocollo.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"Un gran complimento allo Spezia di Italiano, che seguo meticolosamente e gioca un calcio fra i migliori della Serie A, dove senza dubbio merita di restare”. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
La conferma arriva dalla conferenza stampa di Mario Draghi. La roadmap delle riaperture partirà dal 26 aprile. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa