Stampa questa pagina

Cinque Terre Express, Berrino: "Tutti i maggiori utili non rimangono a Trenitalia"

"Impensabile tornare alla situazione precedente"

Venerdì, 19 Marzo 2021 12:05

“Il Cinque Terre Express sta sollevando in questi giorni nuove polemiche su dossier definiti impropriamente 'segreti' e relativi commenti che non fanno chiarezza sul ruolo di Trenitalia e Regione Liguria, ma soltanto confusione. A differenza di quanto viene riportato da alcune testate, gli incassi ottenuti da Trenitalia non sono di 10 milioni di euro ma molto inferiori e si riferiscono all’anno 2018.

Quando saranno chiusi l'analisi del consuntivo regionale e il confronto con i dati preventivi contenuti nel piano economico finanziario approvato con il contratto di servizio, verrà stabilito se c'è un eventuale maggiore ricavo rispetto a quanto previsto dal contratto; in questo caso il margine sarà messo a disposizione della Regione che potrà destinarlo come meglio crede, secondo le opportunità e le esigenze del territorio, all'aumento dei servizi anche su altre tratte che hanno bisogno di potenziamento o alla riduzione di aumenti previsti per l'anno in corso.

Eventuali margini di ricavo non sono fondi che Trenitalia 'intasca' senza riversarli a Regione Liguria, né risorse che Regione Liguria otterrebbe senza investirle al di fuori del contratto di servizio con Trenitalia”. Lo dichiara l'assessore Regionale ai trasporti e al turismo Gianni Berrino.


“Il Cinque Terre Express è stato un grande successo - ha detto ancora Berrino in merito alle polemiche sull'opportunità di continuare o interrompere il servizio - e lo dimostra anche il fatto che dalla sua introduzione abbiamo terminato di essere protagonisti negativi sulle copertine di tutto il mondo per ritardi e disguidi. Al contrario, ha favorito il turismo nelle Cinque Terre portando ricchezza al territorio sotto ogni punto di vista. Grazie alla Carta Treno il parco è arrivato a incassare oltre 7 milioni di euro all'anno fino al 2020, creando nuovi posti di lavoro e nuovi servizi per residenti e turisti.

La sua mancanza porterebbe invece a una diminuzione degli incassi e tutto il territorio delle Cinque terre ne avrebbe una perdita indescrivibile. Non sarebbe pensabile tornare alla situazione precedente e nemmeno a una diminuzione della tariffa che è turistica e non influisce sui cittadini Liguri. Nessun turista, italiano o straniero, si è mai lamentato per il biglietto del Cinque Terre Express che a livello nazionale viene citato quale modello di ottimo servizio turistico come, per fare un esempio, il Fiumicino Express che collega l'aeroporto di Roma al centro città e non comporta aumenti tariffari per i cittadini del Lazio”.


RFI, che fa parte dello stesso gruppo FS insieme a Trenitalia, ha fatto investimenti milionari sulla tratta e sulle stazioni delle Cinque terre per migliorarne la mobilità, l'attrattiva turistica e rendere accessibile a tutti la bellezza del territorio in completa sicurezza” conclude l'assessore Berrino.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...
Fratelli D'Italia

Via XXIV Maggio, 343
19125 - La Spezia (SP)

Email: fratelliditalia.laspezia@gmail.com

 

 

Ultimi da Fratelli D'Italia

Il commento di Manucci, Frijia e Landolfi (Fratelli d'Italia). Leggi tutto
Fratelli D'Italia
Il consigliere regionale di Fratelli d'Italia esprime piena soddisfazione per la firma sulla restituzione di Calata Paita alla città. Leggi tutto
Fratelli D'Italia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa