PD: "Costi smaltimento rifiuti fluviali non possono gravare solo su Sarzana e Ameglia"

La sezione di Sarzana del PD fa anche un appello alle soluzioni proposte dal consigliere Davide Natale sul progetto biomasse.

Venerdì, 02 Aprile 2021 15:00
Rifiuti nelle spiagge di Marinella di Sarzana (foto d'archivio) Rifiuti nelle spiagge di Marinella di Sarzana (foto d'archivio)

Riceviamo e pubblichiamo la posizione del PD di Sarzana sui costi di smaltimento dei rifiuti fluviali nelle spiagge: "Adesso basta signori Totiani! La cinica propaganda da quattro soldi ha un limite! E’ certamente ingiusto che i costi dello smaltimento dei rifiuti fluviali che ogni anno 'si spiaggiano' sugli arenili di Sarzana e di Ameglia gravino esclusivamente sui cittadini di quei due comuni. Ma non è facendoli pagare a Cavarra o allo Stato o ai cittadini di tutti i Comuni della nostra provincia o a chicchessia che si risolve il problema, ma solo a chi è tenuto a farlo perché corresponsabile di quanto accade sulle sponde del fiume e di conseguenza sul litorale.

Una, sia pur parziale, soluzione è quella - suggerita dal consigliere regionale PD Davide Natale - alla quale dovrebbe essere affiancato il ricorso al finanziamento, oggi reso più semplice grazie al Recovery Plan, del progetto su biomasse, sicurezza idraulica e conservazione fluviale, ripetutamente auspicato dal Presidente del Parco del Magra e dal parlamentare europeo PD Brando Benifei, capace di ridurre sensibilmente il deposito dei detriti sul nostro litorale (il c.d. ‘contratto di fiume’). Oppure una proposta di legge che costringa tutti i Comuni, anche quelli toscani, a farsi carico delle spese necessarie per ripulire il nostro litorale.

Invece la soluzione - che vorrebbe essere salomonica - con cui il Presidente della Provincia Peracchini intenderebbe andare incontro, in seno all'Ato Rifiuti, al problema delle Amministrazioni 'amiche' di Sarzana e di Ameglia fa acqua da tutte le parti.
Secondo le voci riportate dalla stampa i comuni costieri (Sarzana ed Ameglia) verrebbero sollevati dal 50% dei costi di smaltimento, che andrebbe ad essere ripartito fra tutti gli altri comuni della provincia. La trovata è davvero bizzarra per plurime ragioni:

1) Non ha senso ed è illegittimo gravare i comuni della provincia che non si affacciano sulle sponde del Magra (il comune capoluogo, quelli della Riviera etc) di una quota di quegli oneri alla stessa stregua dei comuni attraversati dal corso del fiume, come tali potenzialmente responsabili della mancata manutenzione delle sponde.

2) Non si comprende perché - dal riparto di tali oneri - verrebbero dispensati i comuni toscani della Lunigiana che fiancheggiano la Magra per un lungo tratto.

3) Non si ha notizia di altre applicazioni di questo singolare meccanismo in alcuna parte del Paese:
una ragione ci sarà.

4) La legge è chiara nell'attribuire al comune interessato l'onere dello smaltimento (quando non gravi sui privati concessionari); lo ha confermato, lo scorso anno, la stessa Regione Liguria rispondendo proprio ad un quesito posto dal Comune di Sarzana.

Gli amministratori che deliberassero di stornare risorse del loro Comune a beneficio di un altro Comune potrebbero suscitare l'attenzione della Corte dei Conti e sicuramente quella dei propri cittadini.
Difficile immaginare qualcosa di più maldestro. La destra sarzanese farebbe bene ad uscire dall'ormai triennale 'periodo di prova', a superare il suo palese dilettantismo ed occuparsi dei problemi della città con la fatica che la complessità dei problemi a volte richiede".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Partito Democratico

Il Consigliere comunale spezzino del PD sottolinea come il Ministero smentisca il centrodestra locale e ribadisca l'importanza del parere della Regione. Leggi tutto
Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa