Stampa questa pagina

Ex Colonia Olivetti, "Interrogativi ancora aperti"

Il commento del PD Sarzana

Mercoledì, 02 Giugno 2021 18:13

La Regione Liguria, tramite ARTE, ha finalmente trovato l’acquirente per la ex Colonia Olivetti di Marinella. È il gruppo Bulgarella, il quale ha intenzione di realizzarvi un sontuoso resort di lusso a cinque stelle.

Bene, verrebbe da commentare nell’immediato. E verrebbe senz'altro da ringraziare le Amministrazioni di centrosinistra, sia Regione che Comune di Sarzana che hanno progettato, finanziato e realizzato la maggior parte delle opere idrauliche di messa in sicurezza del comparto (oltre 750 mila €), rendendo così appetibile la ex Colonia Olivetti, in precedenza sostanzialmente incommerciabile; infatti, vari tentativi di alienazione erano falliti. Mentre il centrodestra ha solo completato l'opera delle prime.

Il primo quesito che ci si pone è: "E' conforme all'interesse della collettività dei Sarzanesi ed eticamente da elogiare che si venda a 2.050.000 euro un bene pubblico che era stato in origine stimato - probabilmente largheggiando - 9.000.000 (più del quadruplo) e più di recente, ragionevolmente, 4.500.000 euro (più del doppio) tanto più quando a renderlo utilizzabile e a recuperarne il valore hanno concorso in modo determinante opere pubbliche per migliaia di euro di tasca dei contribuenti?".

Le Amministrazioni di centrosinistra avevano pianificato, già nel 2012, - per la ex Colonia Olivetti - una destinazione alla ricettività turistica anche finalizzata ad incentivare il turismo giovanile, compatibile, sociale e 'di prossimità', legato al recupero, al riconoscere e alla valorizzazione dell'ambiente locale, del nostro litorale, della tenuta di Marinella e del patrimonio monumentale e delle potenzialità turistiche e commerciali del capoluogo, Sarzana.

È invece evidente che un resort di extralusso non è nella cultura turistica locale, mentre lo sono soluzioni ricettive di diversa forma, più semplici, più alla portata della media della popolazione; la quale sarebbe poi incline ad utilizzare gli altri servizi locali esterni all’Hotel (ristoro, commercio, stabilimenti balneari, e così via), con una ricaduta vera sul contesto. Allo stato attuale dei fatti, dando per certo l’acquisto, non sarebbe opportuno che la Giunta locale e la Regione, riflettessero sugli scopi da dare nel restauro dell’edificio?

Ci sono anche altri interrogativi:

  •  La ex Colonia è intoccabile dal punto di vista estetico e morfologico, così si esprime già dal 2007 il Ministero per i beni culturali e ambientali, quindi, niente sopraelevazioni o altre modifiche, su questo punto occorre che le istituzioni in gioco facciano rispettare tali obblighi, nel caso ci fosse il desiderio di apportare cambiamenti al manufatto.
  •  Ancora, il parco pineta che si trova, in particolare sul lato nord, è destinato all’utilizzo pubblico, così deve essere, rimesso in ordine e restituito a tutte le persone. L’eventuale parcheggio, se mai ce ne fosse bisogno, deve essere di dimensioni limitate rispetto all’area, deve rispettare il parco pubblico e si deve far sì che nessun albero sia abbattuto.
  •  La spiaggia antistante deve restare libera come è adesso e l’accesso molto ben evidente e libero da ogni impedimento o intralcio.
  •  Infine, documenti di ARTE ipotizzano che con le superfici edificate extra Colonia, insistenti all’interno dell’area di pertinenza, – corca 950 metri quadri – si possano realizzare aree commerciali, una RSA (!) e spazi da definire; ebbene occorre che tali superfici e relativi volumi abbiano scopi sociali, meglio se ceduti all’ente pubblico, il quale potrebbe valorizzare attività estive a scopo riabilitativo che già si effettuano, da alcuni anni, nell’adiacente spazio di rispetto della scuola di Marinella.

Ci pensino la Giunta locale e la Regione a quanto qui manifestato dal PD locale, c’è ancora tempo prima di chiudere del tutto la partita. L’acquirente, visto il basso prezzo di acquisto del sito qualcosa può certamente cedere.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Partito Democratico

Anche dopo l'apertura del nuovo ponte di Albiano e in attesa della realizzazione della bretella Santo Stefano - Ceparana. Leggi tutto
Partito Democratico
I punti principali del programma della sindaca di Sestri Levante. Leggi tutto
Partito Democratico

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa