Crisi GKN, Rifondazione Comunista La Spezia raccoglie beni prima necessità per lavoratori in presidio permanente

Una raccolta dei generi di prima necessità per i lavoratori Gkn di Campi Bisenzio (FI) licenziati il 9 luglio scorso con una mail dal fondo di investimento Melrose.

Mercoledì, 18 Agosto 2021 12:47

I generi non deperibili (acqua, stoviglie, olio, pasta, scatolame vario) saranno raccolti mercoledì 18 e Giovedì 19 agosto dalle 17.30 alle 19.30 presso la sede di Rifondazione Comunista in Via Lunigiana 545 (per info cell. 3792698329, è possibile anche sottoscrivere una sottoscrizione con causale "cassa di resistenza" all'Iban IT67D0501801400000016878944).

Lo organizza la federazione spezzina di Rifondazione Comunista rispondendo all'appello dei 500 lavoratori fiorentini scaricati dall'azienda senza alcun preavviso, che stanno tenendo un presidio permanente della fabbrica affinchè non venga svuotata dei macchinari atti alla produzione, per "delocalizzarla" (termine elegante per definire la corsa allo sfruttamento dei lavoratori da parte delle multinazionali, che restano non solo totalmente impunite dalle leggi degli stati e dei governi, ma che si permettono pure di farsene beffa, approfittando degli ammortizzatori sociali, pagati dai cittadini/lavoratori!.

Come si legge nel loro manifesto di rivendicazione, le 13 settimane di cassa integrazione proposte dal governo Draghi a Melrose (il fondo finanziario proprietario della Gkn) sarebbero sicuramente una boccata d'ossigeno, ma devono essere a loro volta integrate economicamente dall'azienda ed estese a tutte le ditte in appalto, dato che non si tratta di un'azienda in crisi e l'ammortizzatore sociale dovrebbe servire a sostenere i cali di lavoro. Qua siamo invece di fronte a un fondo finanziario che ha deliberatamente organizzato la delocalizzazione dei volumi, con le settimane di cassa completamente non a carico per Gkn.

"Ecco perchè" - affermano i lavoratori - "se è vero che sia in discussione una legge antidelocalizzazioni non può essere scritta sulle nostre teste. Deve essere scritta con le nostre teste. E, se necessario, siamo pronti a scriverla nelle piazze."

Facciamo sì che il loro motto - "Insorgiamo" - si trasformi in un moto generale di indignazione che vada oltre la stessa vertenza GKN e che si allarghi all'intero mondo del lavoro, capovolgendo i rapporti di forza. Rifondazione Comunista, anche a Spezia, è al loro fianco.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Partito della Rifondazione Comunista-FdS

La reazione dopo l'ufficializzazione della giunta, che vede esclusa Rifondazione dal novero degli assessori. Leggi tutto
Partito della Rifondazione Comunista-FdS
Il consigliere comunale Lombardi presenta un'interpellanza sullo stato del quartiere. Leggi tutto
Partito della Rifondazione Comunista-FdS

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa