"Il bando per le case popolari alla Spezia si infrangerà contro la sentenza della Corte Costituzionale" In evidenza

Cgil e Sunia replicano all'Assessore regionale Scajola.

Venerdì, 19 Novembre 2021 17:49
Ruggia, Bravo e Ghiglione Ruggia, Bravo e Ghiglione

 

“All’assessore Scajola, che dice di non comprendere le ragioni della nostra polemica, proviamo a ripetere alcuni semplici concetti: abbiamo detto in molte occasioni che un bando emanato in Lombardia per l’assegnazione delle case popolari, basato sulla necessità di essere residenti da cinque anni, è stato dichiarato illegittimo dalla Corte Costituzionale. Quindi è irresponsabile proseguire testardamente nel pubblicarne uno simile, perché espone migliaia di famiglie al rischio invalidazione del bando stesso”. Così Lara Ghiglione, Segretaria generale Cgil della Spezia, Cristiano Ruggia, Segretario provinciale Sunia della Spezia e Franco Bravo, Segretario regionale Sunia.

“Noi, responsabilmente - proseguono - facciamo presente questa problematica da mesi ed in tutte le sedi possibili e immaginabili. Anche il parere dell’avvocatura Civica della Spezia non sembrerebbe rassicurare molto Scajola e il Sindaco Peracchini. Ma è tutto come se niente fosse: ma come si fa ad ignorare una sentenza della Corte Costituzionale? Le contrapposizioni ideologiche le hanno create la Regione Liguria e il Comune della Spezia con questa legge chiaramente discriminatoria: in questo modo perdono tutti, italiani e stranieri; ma, soprattutto, perdono le famiglie che aspettano da anni una casa popolare. Inoltre, in un momento come questo ci sembra irragionevole vendere case pubbliche. Manca una visione organica sul futuro del tema dell’abitare; bisogna fare presto per recuperare i 350 alloggi sfitti alla Spezia, presentare un programma per la costruzione di nuovi alloggi su terreni impermeabilizzati e recuperare quelli non utilizzati dal demanio militare. Bisognerebbe presentare un programma credibile per l’edilizia residenziale pubblica e sfruttare i fondi del PNRR.”

Concludono Ghiglione, Ruggia e Bravo: “Inoltre, non è vero che la regione Liguria ha stanziato 9 milioni a supporto delle famiglie in difficoltà con il pagamento dell’affitto: sono fondi trasferiti dal Governo centrale. Da ultimo, in merito al caso delle cosiddette dighe di Begato a Genova, chiediamo all’assessore Scajola se il saldo tra l’edilizia sovvenzionata Erp (case popolari) e le case che verranno ricostruite avrà un segno negativo di circa 400 alloggi popolari o no? Per noi ci saranno in meno ben 400 case popolari ed è un fatto molto grave”.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CGIL

Via Bologna, 9

Tel.: +39 0187547111
Fax: +39 0187516799

www.cgillaspezia.it/

Ultimi da CGIL

Chi ne ha diritto e chi deve inoltrare la richiesta. Leggi tutto
CGIL
Filt Cgil, Ugl e Orsa chiedono congrue assunzioni. Leggi tutto
CGIL

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa