Manutenzione corsi d'acqua, il Consorzio Canale Lunense ringrazia la Paita e risponde a Solari In evidenza

Sul tema dei lavori di manutenzione sui corsi d'acqua sono emersi nei giorni scorsi due significativi interventi che mettono ancora una volta in evidenza l'importanza di una legge di riordino della difesa del suolo.

Mercoledì, 12 Febbraio 2014 14:06

Da una parte l'assessore regionale Raffaella Paita, rispondendo ad una interrogazione del consigliere Regionale Francesco Bruzzone, ha fatto preciso riferimento al Canale Lunense quale ente indicato per l'esecuzione dei lavori di manutenzione sui corsi d'acqua e il sindaco di Carro Antonio Solari, che ha posto l'attenzione sulla necessità di investire nella manutenzione ordinaria del territorio. "Prendo atto con piacere – commenta il Presidente del Consorzio Canale Lunense Massimo Morachioli (foto) - della risposta dell'assessore Paita all'interrogazione del consigliere Regionale Francesco Bruzzone dove spiega finalmente chi dovrebbe eseguire i lavori di manutenzione sui corsi d'acqua. Grazie, quindi, all'assessore Paita che ha chiarito la situazione". Da tempo il Consorzio ha presentato proposte di revisione della Legge Regionale n° 6/83 ed il recepimento da parte della Regione Liguria dell'accordo Stato Regioni che individua nei Consorzi di Bonifica gli enti preposti alla manutenzione dei corsi d'acqua impone ora alle Regioni il loro riordino. "La Liguria – continua Morachioli - è oggi l'unica regione a non aver ancora presentato un testo di legge di riordino della difesa del suolo che appunto valorizzi il ruolo dei Consorzi nello spirito dell'intesa Stato-Regioni, come invece fatto da molte regioni. In particolare la vicina Regione Toscana, ultima regione (fine 2012) in ordine di tempo ad aver legiferato e provveduto al riordino dei consorzi, ha riorganizzato l'intero territorio regionale in sei nuovi consorzi di bonifica, andando a ricomprendere nell'azione della bonifica anche ampi territori che storicamente ne erano al di fuori". L'attenzione di investire nella manutenzione ordinaria del territorio è stato anche il grido d'allarme lanciato recentemente dal sindaco di Carro Antonio Solari. "Anche in questo caso credo sia importante ricordare che la manutenzione ordinaria del territorio è l' attività primaria del Consorzio – spiega Morachioli -. Una manutenzione efficace, efficiente ed economica deve necessariamente essere accompagnata da un rinnovato senso di responsabilità degli amministratori e dei cittadini che governano e fruiscono il territorio. Tuttavia, pulire cunette, canalizzare le acque, mantenere liberi i tombini, togliere detriti, ecc. sono condizioni necessarie ma non sufficienti per una buona manutenzione che va fatta soprattutto in continuità e non solo dopo le emergenze. E i piccoli Comuni, in questa complessa attività non possono essere lasciati soli. Ecco perché in Liguria è necessaria una riorganizzazione della difesa del suolo che superi l'attuale frammentazione e sovrapposizione delle competenze e crei un'organizzazione che possa dare risposte certe al quesito "chi fa che cosa e con quali risorse": i consorzi sono la risposta giusta a queste istanze, risposta che prevede la partecipazione attiva e in autogoverno, dei cittadini che traggono beneficio diretto da tali azioni di prevenzione". "Recentemente – chiude il Presidente - il Consorzio ha presentato una proposta in materia che la Regione sta seriamente valutando come buona base di partenza per trovare una soluzione non solo per la Val di Magra, dove da tempo il Consorzio opera, ma anche per il resto della provincia e, soprattutto, dell'intera regione. Invitiamo quindi sin da ora il Sindaco Solari e tutti gli altri sindaci della Val di Vara, a collaborare con noi per dare, a questa proposta, maggior forza".

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Due nuovi treni sui binari della Liguria

Sabato, 31 Luglio 2021 14:39 cronaca
Superata la metà della fornitura dei nuovi convogli che devono essere consegnati da Trenitalia alla Regione entro il 2023. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
In una fase particolare, con occasioni di crescita e potenziamento. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa