Fincantieri, Rixi: “No alla svendita del bacino di carenaggio del Muggiano” In evidenza

«Che l'abolizione delle Province voluta dal Pd e ratificata dal governo Renzi fosse una follia inutile quanto dannosa non è una scoperta di oggi: come Lega Nord ci siamo sempre opposti in ogni sede. Ma in questi giorni stiamo vedendo quali siano i mostri che "il sonno della ragione" del Pd sta generando.

Lunedì, 16 Marzo 2015 18:50

Uno per tutti: l'ipotesi avanzata dal presidente della Provincia nonché sindaco della Spezia Federici sulla vendita del bacino di carenaggio mobile di Fincantieri al Muggiano per una cifra tra i 5 e i 10 milioni di euro per fare fronte alle esigenze di cassa della Provincia, proprietaria dell'infrastruttura. Il bacino è indispensabile per il varo delle navi: senza il bacino, Fincantieri sarebbe gravemente penalizzato. Una decisione assurda che dimostra l'atteggiamento che la politica locale della giunta Burlando-Paita ha nei confronti delle imprese:manziché agevolarne l'insediamento, in Liguria si cerca di incentivarle ad andarsene!

 

Per le scelte scellerate della sinistra, fatte in nome di una spending review solo a parole e senza alcun risparmio nel concreto, oggi si vorrebbe addirittura compromettere l'operatività e la produttività del cantiere del Muggiano. Difendere la presenza di Fincantieri in Liguria, nei siti oltre che della Spezia anche di Riva Trigoso e di Sestri Ponente a Genova, è un nostro preciso impegno: la nostra non è una battaglia finalizzata solo al mantenimento e alla valorizzazione delle centinaia di posti di lavoro che Fincantieri rappresenta per il nostro territorio ma anche alla prospettiva di generare nuova occupazione nell'indotto della navalmeccanica e della cantieristica che in Liguria ha punte di eccellenza che vanno implementate e non smantellate. Come Lega Nord siamo sempre stati in forte disaccordo con la decisione di sopprimere le Province. Oggi i fatti ci danno ragione. La giunta Burlando poteva e doveva prevedere i rischi che la soppressione di questi enti avrebbe comportato, ma non lo ha fatto. Ha preferito chinare il capo davanti alle decisioni dei loro governi Monti-Letta-Renzi e oggi se ne lava le mani lasciando i lavoratori in balia della sorte. Non è accettabile che per mettere una pezza ai danni consumati sulla pelle dei lavoratori delle Province oggi si trovi, come unica alternativa, quella di penalizzare altri lavoratori.

Domani presenteremo un ordine del giorno in Regione per chiedere alla giunta un impegno preciso ad attivarsi presso la Provincia della Spezia perché non si venda il bacino mobile del Muggiano al miglior offerente e per pochi spiccioli, - compromettendo l'attività del cantiere e il futuro occupazionale dei lavoratori spezzini - e chieda garanzie perché il bacino resti parte integrante del cantiere e dunque materialmente posizionato all'interno dello stabilimento».

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Lega per Salvini Premier

"I giovani devono tornare a fare sport in un tempo più breve, che oggi è addirittura pari a un mese, dopo la guarigione". Leggi tutto
Lega per Salvini Premier

Continua lettura nella stessa categoria:

1 commento

  • Link al commento Mallo Martedì, 17 Marzo 2015 14:30 inviato da Mallo

    Ma vendete tutto e fateci una marina come si deve con posti barca ed aperta al pubblico....una struttura turistica a ridosso della diga e vicino a Lerici sarebbe veramente una gran cosa. Non è più tempo di mantenere questi baracconi di parassiti mangiasoldi che producono solo debiti a scapito di stato e cittadini e intrallazzoni.

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa