Ciclopedonale Riviera, installata la cartellonistica In evidenza

Sono stati installati a Levanto, Bonassola e Framura i primi cartelli informativi relativi alla "ciclopedonale maremonti", la passeggiata che unisce i tre paesi costieri seguendo il tracciato della vecchia linea ferroviaria. 

Lunedì, 30 Marzo 2015 10:35

La cartellonistica, il cui posizionamento (a cura degli operai dell'ufficio tecnico comunale associato di Levanto e Bonassola) è in via di conclusione, fa parte di un progetto complessivo di segnalazione e promozione che coinvolge tutte le direttrici ciclopedonali della Liguria, ed è finanziato dalla Regione per l'80% (anche grazie ai fondi del Ministero degli Affari regionali) e dai Comuni attraversati dai percorsi per il restante 20%.

 

I cartelloni sono posizionati sia lungo il percorso che nei punti di maggior passaggio turistico, come le stazioni ferroviarie e le aree di sosta per le auto e i camper. Ogni pannello è montato su un supporto di marmo "Rosso Levanto" (su indicazione della Regione, che ha raccomandato la posa in opera su materiali locali) e riporta gli stemmi degli enti che hanno aderito al progetto, il logo e il nome della pista ("ciclopedonale maremonti", scelto attraverso un concorso di idee nelle scuole locali), una cartina con le caratteristiche del percorso (lunghezza, altimetria, punti di interesse da visitare lungo la tratta, ecc.), alcune immagini dei tre paesi ed una serie di testi divulgativi che illustrano il territorio, le emergenze storico-artistiche, i servizi turistici e i prodotti dell'enogastronomia locale.

"Con l'installazione della cartellonistica informativa – spiega l'assessore al Turismo del Comune di Levanto, Paolo Lizza – si arricchisce ulteriormente l'arredo urbano lungo la pista. Ora il percorso ha un nome ed un logo che aiutano ad identificarlo, fa parte della rete ciclabile ligure che è oggetto di campagne di promozione a livello internazionale, e contribuisce a sua volta a far conoscere un intero territorio attraverso le informazioni che gli utenti possono apprendere percorrendolo da Levanto a Framura. Questo è anche il risultato di una sinergia fra i tre Comuni che contiamo di continuare ed ampliare proprio in funzione turistica. Guardando anche con ragionevole speranza ad un futuro allungamento del percorso stesso: la Regione

Liguria ha infatti già finanziato lo studio di fattibilità del progetto tra Framura e Deiva Marina. Sarebbe auspicabile un analogo impegno anche sul lato opposto, per raggiungere l'abitato di Monterosso".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Nell’arco di un anno e qualche mese, passando attraverso 3 fasi, Calata Paita ritornerà ad uso pubblico. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa