"Se il verbale di ARPAL esiste, perchè non è stato pubblicato?" In evidenza

Sui dubbi in merito alla dispersione di amianto dai tetti dell'Arsenale, il Movimento 5 Stelle annuncia un question time in Consiglio Comunale e la questione arriva al Ministero.

Martedì, 06 Novembre 2018 10:59
Tra i vari danni, causati in città dalla tempesta dei giorni scorsi, alcuni cittadini, ed in particolare l’Associazione Murativivi di Marola, hanno segnalato una situazione di potenziale pericolo, in quanto i capannoni all’interno dell’Arsenale Militare, prospicenti proprio il quartiere di Marola, presentano alcuni rialzamenti e frantumazioni di diverse parti delle coperture in eternit e presumibile dispersione delle fibre di amianto verificatesi probabilmente dopo i forti venti. Alcune coperture, staccandosi e frantumandosi, sono andate a depositarsi su altri tetti all’interno non solo nell’area militare (danno ai lavoratori) ma anche sui tetti delle abitazioni e della scuola, situate a poche decine di metri (danno ai cittadini residenti nel quartiere prospiciente).

Abbiamo appreso tramite stampa che l’Ufficio di Gabinetto del Sindaco Peracchini si sarebbe attivato il giorno 31 ottobre presso “il Comando Marina Nord per chiedere notizie in merito ai danni subiti dai tetti dei capannoni dell’area miliare di Marola”, ottenendone la risposta che “alcuni capannoni adibiti a magazzini vestiario della locale direzione di commissariato M.M. avevano subìto dei danni a seguito del forte vento, con distacco di alcune parti dei tetti costituiti in eternit”, unitamente alla rassicurazione che “non vi era stata alcuna aero-dispersione di fibre di amianto” e che comunque la Marina aveva “messo in sicurezza tutta l’area dei capannoni di Marola”.

Considerato che non ci risultano rimosse le parti lesionate dei tetti in eternit (come da foto) e che nessuna fibra di amianto blu o bianco è praticamente visibile dall’occhio umano, trattandosi di valori di grandezza infinitesimali, non possiamo non chiederci come sia possibile affermarlo, senza un monitoraggio da parte di Arpal (ente competente a queste valutazioni) sia fuori che dentro l’area militare per più ore o possibilmente per più giorni, producendo il relativo verbale, secondo le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e il Decreto Ministeriale 6 settembre 1994.

Se tale verbale esiste, perché non è stato pubblicato, per dissipare ogni dubbio? I nostri dubbi, pertanto, rimangono, molto forti, tanto da farci presentare un question time in Consiglio Comunale, precisando nel contempo che il 31/10/2018 è stata depositata al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e al Ministro della difesa un’Interrogazione a risposta orale da parte del portavoce del M5S Roberto Traversi.

Il gruppo Consiliare del Movimento 5 Stelle
Donatella Del Turco e Jessica De Muro

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Cinque Stelle

Volpi (M5S): "Per noi sono certamente la salute pubblica e la scuola" Leggi tutto
Cinque Stelle
Il consigliere regionale del M5S: "Mancanza dei vaccini antinfluenzali e cattiva gestione dei servizi inerenti ai tamponi per il tracciamento". Leggi tutto
Cinque Stelle

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa