Le interviste ai candidati / Emanuele Moggia con la lista "Monterosso Bene Comune" In evidenza

Sindaco uscente, si candida per il secondo mandato.

Venerdì, 24 Maggio 2019 16:30

Gazzetta della Spezia continua il suo approfondimento sui candidati sindaco alle amministrative 2019 e vi porta a Monterosso dove scendono in campo Generoso Cardinale con "Monterosso nel Cuore"; Maria Cristina Donatiello con la lista "Monterosso Alternativa" e il sindaco uscente Emanuele Moggia per "Monterosso Bene Comune"

Ecco l'intervista al sindaco uscente Emanuele Moggia.


Nei piccoli comuni la campagna elettorale è spesso animata: che idea si è fatto degli schieramenti e avversari in campo? Che sentore ha di questa campagna?
Mi sarei aspettato un clima più corretto, invece, lo scontro è con una modalità politica che non mi appartiene. Preferirei un confronto sui temi e sui programmi, ma non c’è stata la possibilità con gli altri candidati.

Come mai ha scelto di proseguire l’avventura da sindaco e candidarsi al secondo mandato?
Mi sono ricandidato perché quando si inizia un percorso è giusto portarlo al termine e sono ancora tanti i progetti da finire.

Ci racconti qualcosa su di sé: curriculum ed esperienze?
Sono un ingegnere delle Telecomunicazioni ho sempre lavorato con aziende private spostandomi in Italia. Ho lavorato anche con l’istituto idrografico della Marina Militare.

Flussi turistici, numero chiuso e turismo sono alcuni dei temi al centro di questa campagna, quali sono le sue idee al riguardo?
E’ necessaria una programmazione intelligente dei flussi in arrivo nel tempo e nello spazio del borgo, compatibilmente con le esigenze del territorio.

In relazione al Parco nazionale delle Cinque Terre e la sua visione dal punto di vista ambientale del territorio. C’è qualche proposta prioritaria che vorrebbe poter mettere in campo?
Il Piano del Parco è la priorità e deve essere redatto in modo che chiunque voglia recuperare dei terreni sia agevolato. Penso si debba dare la possibilità a chi coltiva di realizzare piccole vie di accesso e rampe per le motocarriole per raggiungere i terrazzamenti.

Veniamo al programma, ci vuole riassumere in poche parole i punti cardine con i quali si presenta di fronte agli elettori?
Abbiamo in programma il progetto del canale scolmatore, un percorso lungo e complesso, per un'opera colossale che è l'unica via per offrire garanzie a un territorio fragile. Vogliamo sostituire l’impianto d’illuminazione di tutto il paese convertendolo a led, realizzare una pista per l’elisoccorso, sistemare la passeggiata di Fegina e lavorare su una nuova scuola per bambini e ragazzi del paese.

Un auspicio per il futuro?
Penso che la cosa più importante sia investire nelle nuove generazioni perché sappiano fare meglio di quello che abbiamo realizzato noi.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il gonfalone torna in borgata dopo 26 anni. Per i bianco-azzurri arriva la doppietta dopo la vittoria delle ragazze. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Canaletto o Cadimare? C'è voluta quasi un'ora per decretare il vincitore della gara. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa