"A Follo unico polo delle emergenze con Protezione Civile e Croce Rossa" In evidenza

La risposta del sindaco Rita Mazzi all'ex primo cittadino Giorgio Cozzani.

Sabato, 01 Giugno 2019 08:24

48 ore. Appunto. 48 ore dalla nomina e Giorgio Cozzani non si è ancora accorto che non solo non è più il primo cittadino del Comune di Follo, ma neppure ricopre un ruolo tra le file dell’opposizione. Se dovessimo rispondere ad ogni polemica da bar, dovremmo assumere 4 persone per rispondere adeguatamente ma il Comune di Follo, ad oggi, non è assolutamente nelle condizioni di assumerle.

In merito alla riflessione arrivata dal sindaco uscente del Comune di Follo, in linea con la “smisurata smania di protagonismo”, mai come oggi stonata, ci teniamo a precisare che questi sono giorni davvero intensi che hanno visto il neo sindaco Rita Mazzi e la sua giunta a dover far fronte alla drammatica situazione economica lasciata dall’amministrazione uscente.

H24 negli uffici del primo piano del palazzo comunale per far fronte alle innumerevoli inadempienze amministrative e tecniche in cui ci troviamo. Esatto, la Croce Rossa per noi è una priorità e come tale vogliamo valorizzarla.

Oggi, invece la Protezione Civile di Follo occupa una sede abusiva.
Si tratta di un magazzino e non possiamo, lo dice la norma, permettere l’accesso in quell’ambiente alle persone che svolgono questa preziosa attività per la comunità.

Pertanto nella giornata di mercoledì la nuova amministrazione si è recata presso la sede della Croce Rossa per attivarsi e valorizzare al meglio le due preziose realtà presenti sul territorio.

È infatti intenzione della nuova amministrazione creare un polo unico delle emergenze inglobando la protezione civile all’interno della Croce Rossa.

Una semplice demolizione per garantire un servizio a norma ed efficiente. Inoltre precisa il sindaco Rita Mazzi “Creare questo unico polo, non solo garantisce al nostro comune di avere una sede consona e adeguata affidata tramite una regolare scrittura privata e non data sulla parola in amicizia come si trova allo stato attuale, ma ci permette di avere un polo di emergenza efficiente e di assistenza all’altezza del nostro territorio. Visto l’interesse dell’ex primo cittadino colgo l’occasione per comunicare che per potenziarlo attiveremo un numero verde attivo 24h per dare realmente un servizio di totale assistenza alla cittadinanza follese”.

l’obiettivo quindi è assemblare le due associazioni che dipenderanno entrambe dalla Croce Rossa nella persona di Walter Cresci, il presidente che fin da subito ha collaborato con la nuova amministrazione.
Dopo due giorni dalla nomina, il sindaco Rita Mazzi, ha contattato il presidente Cresci per lavorare insieme e offrire un servizio efficiente rivolto al bene comune.

Ci auguriamo di poter davvero cominciare a lavorare all’insegna del cambiamento. Consapevoli che oggi il tempo a disposizione dell’ex sindaco sia molto ma, se ha dubbi o perplessità, lo invitiamo a fissare un appuntamento con il neo eletto sindaco di Follo anziché continuare un dibattito mediatico che poteva avere ragione di esistere durante una campagna elettorale alla quale purtroppo non ha potuto partecipare.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Comune di Follo

Servizio di tre giorni a settimana per le utenze domestiche (e non) residenti a Follo. Leggi tutto
Comune di Follo
Il nuovo sindaco racconta il primo passo compiuto dalla nuova amministrazione comunale: "Avremo un territorio più pulito". Leggi tutto
Comune di Follo

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa