Toti fa pace con Berlusconi: "Basta mostrine sulle spalle" In evidenza

di Francesco Truscia - Retromarcia del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti nominato coordinatore nazionale di Forza Italia.

Giovedì, 20 Giugno 2019 16:20

 Il presidente della Regione Liguria ingrana, politicamente, la retro e viene nominato assieme a Mara Carfagna coordinatore nazionale di Forza Italia. 

Giovanni Toti, negli ultimi tempi fortemente critico verso la classe dirigente di Forza Italia, era parso smarcarsi dal partito fondato da Silvio Berlusconi con l'appuntamento del 6 luglio al Teatro Brancaccio di Roma per il lancio di "L'Italia in crescita"

Questa mattina sulla stampa nazionale si legge di un'inversione di marcia con la nomina di Giovanni Toti e Mara Carfagna come coordinatori nazionali di Forza Italia, unendo le spinte "nordiste" e "sudiste" del partito.

Il governatore della Regione Liguria si è espresso questa mattina alle 11:30 in una diretta su Facebook.

"Ieri Forza Italia ha deciso di tornare ad essere la piattaforma liberale del nostro paese, riaprendo ai tanti militanti che ci hanno abbandonato - così ha esordito il neo coordinatore di Forza Italia Giovanni Toti - Dobbiamo tornare a rappresentare quel centrodestra che è la maggioranza del paese. Non sarà facile e non faremo facili promesse, ci vuole rigore e serietà. Bisogna ristrutturare Forza Italia, ieri Berlusconi ha aperto ad un nuovo futuro, abbiamo una grande responsabilità io e l’amica Mara Carfagna. Dobbiamo portare Forza Italia ad essere la casa dei moderati in alleanza con gli amici della Lega e con gli amici di Fratelli d’Italia che sono una nostra costola".

"Si apre una stagione di congressi ed elezioni di popolo, bisogna chiamare tutti quelli che vogliono contribuire ad esprimersi sulla dirigenza del nostro paritito - ha proseguito il governatore nella sua diretta Facebook - Nessuno deve avere mostrine sulle spalle solo perchè gli sono attribuite. Il nostro mandato cadrà quando tutti coloro che vorranno potranno esprimersi sulla dirigenza del partito, saremo ancora li solo se ci daranno la fiducia dal basso altrimenti nessuno dovrà più essere garantito a prescindere".

Per quel che riguarda l'assemblea del 6 luglio?

"È confermata, dobbiamo essere in tanti e con tante idee, vi aspetto tutti a Roma. Questo cambiamento non può fallire è una necessità di questo paese, aiutateci a cambiare Forza Italia".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Primo appuntamento il 15 novembre. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Si riaccende la ciminiera dell'Enel

Martedì, 12 Novembre 2019 22:07 cronaca-la-spezia
Dalla Francia arriva meno energia, l'Italia deve produrne di più e Enel ha scelto di puntare sulla Spezia. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa