Stadio Picco, quasi finiti i lavori di restauro: rientro delle Aquile il 5 dicembre contro la Lazio In evidenza

di Massimo Guerra- Ormai in fase di ultimazione i lavori "in economia" richiesti dalla Figc per consentire l'utilizzo in deroga del vecchio impianto

Venerdì, 13 Novembre 2020 16:15


Riflettori puntati sul Picco non in senso metaforico: ieri pomeriggio il green di viale Fieschi era illuminato a giorno dai nuovi maxi-fari imposti dalla serie A per la ripresa tivù delle sfide notturne. Ormai in fase di ultimazione i lavori "in economia" richiesti dalla Figc per consentire l'utilizzo in deroga del vecchio impianto almeno per questa stagione, tra cui l'abbattimento di barriere lato distinti e lato curve, in particolare davanti alla gradinata al posto della barriera in plexiglass di 3 metri - penalizzante per la visibilità delle file più basse - allestita una vetrata da 1,10 metri, previsti anche alcuni ritocchi nelle aree stampa, con l'allestimento di nuovi servizi igienici e perché no anche una bella pitturata nelle aree comuni.

La capienza - sperando che prima della fine del campionato si possa tornare allo stadio per davvero - resta a 10.000 posti e spiccioli, divisi nei 1.222 della tribuna, 3.100 dei distinti, 4.000 della Ferrovia e 2.000 della Piscina: in caso di salvezza dovrà in ogni modo essere aumentata per il primo anno almeno a 13.000 posti, ed entro due anni a 16.000.

Il debutto previsto del Picco - almeno alle squadre in campo - resta fissato per il 5 dicembre contro la Lazio, dopo l'ultima (si spera) prova a Cesena contro l'Atalanta e la trasferta di Cagliari, e dopo l'ok dei tecnici della Figc che faranno un sopralluogo per verificare la qualità degli interventi. Intanto il Sindaco Peracchini in alcune interviste ha ribadito l'ipotesi di cessione del Picco che vede l'inquilino Spezia calcio ovviamente in pole position, oltre alla necessità di adeguare la capienza dell'impianto ad almeno 16.000 posti attraverso una fase progettuale che si prospetta in ogni caso molto onerosa, della quale si avrà comunque il progetto di fattibilità entro fine mese.

Merito del sindaco aver dato un'accelerata al "piano Picco" in virtù dei buoni rapporti con la società di via Melara e in particolare con il patron Gabriele Volpi, con le società del quale sono in corso progetti di largo respiro anche infrastrutturale purtroppo rallentati dall'emergenza Covid-19.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Le luci e le ombre individuate nel DPCM. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
"Accolta la richiesta di un maggiore coinvolgimento della minoranza e del territorio". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa