Punto d'oro dello Spezia a Verona al termine di una gara di sofferenza In evidenza

di Massimo Guerra - Ottimi segnali in mezzo al campo, male l'attacco.

Sabato, 01 Maggio 2021 16:46

Prezioso mattoncino messo oggi dallo Spezia al Bentegodi, contro un Verona senz'altro competitivo ma punito da una certa rilassatezza nella fase centrale e finale della ripresa, nella quale invece lo Spezia ce l'ha messa tutta conquistando alla fine un meritato pareggio.

Un piccolo passo quello di oggi, che consente in ogni caso alle Aquile di salire a quota 34 non rischiando quindi di ritrovarsi terzultime in caso di (comunque improbabili) exploit delle inseguitrici a quota 31 ovvero Torino, Benevento e Cagliari impegnate rispettivamente contro il Parma in casa, contro il Milan a San Siro e contro il Napoli al Maradona.

Solita sofferenza in campo per le Aquile, penalizzate dalla scarsità sopravvenuta degli attaccanti - in primis Nzola per il quale forse il tempo di attesa è finito, poco meglio Gyasi e Verde - e salvate da un colpo di classe di Saponara entrato a 10' dalla fine, bravissimo a centrare la rete in scivolata su assist di Agudelo, anch'egli entrato nella ripresa.

Segnali positivi oggi se ne sono visti, e parecchi, soprattutto in mezzo al campo ovvero il reparto migliore dello Spezia in questo momento, in grado di mettere una pezza ai deficit della difesa e dell'attacco: in mediana è tornato Estevez con la sua grinta e la sua corsa, Maggiore conferma le sue doti tecniche anche se oggi non riesce in tutte le giocate, Ricci sempre più perno del gioco, ottimo oggi nelle due fasi, buoni anche gli innesti nella ripresa con Sena e Acampora a ricaricare le pile del reparto.

Meno splendide le note dall'attacco, dove è innegabile l'impegno così come il tasso tecnico di alcuni giocatori, che non riescono a compensare con la prestanza atletica un po' in calo in questa fase, ovvero Gyasi e Nzola, anche se il primo ha almeno il merito di cercare benissimo il secondo in un paio di azioni, mentre Nzola non trova mai la giocata offensiva e non si capisce perché Italiano non dia respiro per almeno metà del secondo tempo al 2000 Piccoli che non sarebbe da meno sotto il piano fisico e forse sarebbe più determinante in fase conclusiva. Bene comunque l'innesto di Saponara e Agudelo, non a caso determinanti nell'azione del pareggio.

Note in chiaroscuro anche dalla difesa: Provedel para il parabile, non male la coppia centrale Ismajli-Chabot, da rivedere invece la coppia Vignali - anche se marcare il Verona da quella parte metterebbe in crisi chiunque - Marchizza, poco propositivo in attacco e in ritardo sulla marcatura di Salcedo nell'azione-gol.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Luigi Morgillo commenta i risultati delle ultime elezioni amministrative, deludenti per il centrodestra. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
In Liguria 58 nuovi positivi a fronte di 3.021 tamponi molecolari, a cui si aggiungono 9.927 tamponi antigenici rapidi Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa