Storica vittoria dello Spezia In evidenza

di Massimo Guerra

LIVORNO - Lo Spezia travolge il lanciatissimo Livorno con uno storico 5 a 1 che regala emozioni a non finire agli oltre 1.500 tifosi spezzini arrivati nella città labronica per l'atteso derby con oltre 20 pullman.

Lunedì, 08 Ottobre 2012 23:48

Video

Al fischio finale dell'arbitro il Picchi come per magia diventa il Picco, con i giocatori e il mister Serena come impazziti sotto la curva bianconera per l'inedita "manita", con cori e voli di magliette e mutandoni mentre, dalla parte opposta, i giocatori di Nicola raccolgono gli appalusi dell'orgoglioso tifo toscano, ma non vola nulla tranne qualche... moccolo.

A voler fare a tutti i costi le pulci ad una gara che riscrive - a favore dello Spezia – l'annuario statistico del derby tirrenico, cancellando il 4 a 1 rifilato addirittura nel 1937 dai labronici alle aquile, e togliendo forse di dosso al presidente Spinelli lo scaramantico impermeabile giallo, occorre soffermarsi sul primo tempo. A partire dalla percentuale di possesso palla a netto favore del Livorno (56% a 44%) rimasto in dieci all'11' dopo l'espulsione del portiere Mazzoni, che racconta di uno Spezia timoroso, impacciato, incapace di gestire il vantaggio numerico con una razionale circolazione della palla. Eppure l'espulsione del numero uno di casa, uscito male sulle gambe di Okaka ed il conseguente penalty realizzato da De Gennaro (al terzo centro su tre rigori) potevano configurare una gestione di gioco diversa da parte degli uomini di Serena, che invece hanno sofferto l'intraprendenza del Livorno, sia per occasioni da gol, sia per corner (saranno incredibilmente zero quelli spezzini al termine), sia per possesso palla. Tutto questo almeno fino al raddoppio di Bovo, pescato al 40' del primo tempo con un cross ad occhi chiusi scoccato da Di Gennaro, che ha spento il tentativo abbastanza garibaldino di Nicola - mister voluto dal direttore tecnico Perotti sulla panchina toscana ed apprezzato ex della gestione Soda – forse un po' presuntuoso, dopo il rosso, a lasciare in campo il tridente contro la baby difesa aquilotta, levando un centrocampista. Il 3-0 di Sansovini (neo-capocannoniere della B con 6 gol) alla prima azione nonché prima papera difensiva di Emerson, su assist di un ritrovato Antenucci, spiana la gara agli aquilotti, che trovano dopo un paio di tentativi il gol del 4-0 con Antenucci pescato da uno strepitoso Di Gennaro, con conseguenti scene di gioia che costano il giallo a Marco Rui, partito con troppo entusiasmo dalla panchina. Lo Spezia nella ripresa è più sicuro dei propri mezzi, ma paradossalmente il meglio di sé lo dà dopo l'espulsione – per fallo inutile a metà campo – di Porcari, che salterà la supersfida di domenica contro la Ternana. In dieci contro dieci negli ultimi 25 minuti di gara il Livorno prende un po' di coraggio ma trova la strada sbarrata da un ottimo Iacobucci – strepitoso il doppio intervento alla mezz'ora prima di piede e poi in uscita per anticipare un attaccante – e della sostanziale tenuta del reparto difensivo, con una prova da incorniciare dei giovani Pasini e Benedetti, supportati dall'esperienza di Garofalo e, finché resta, di Porcari. Poco prima, una traversa colpita dalla distanza da parte di Berlingheri fa sospirare i tifosi toscani, infuriati per un involontario fallo di mano in area commesso da Di Gennaro, ma negli ultimo dieci minuti sono ancora gli uomini di Serena a rendersi pericolosi, fino alla rete di Antenucci che a 5' dalla fine sigla la sua prima doppietta in maglia bianca. Il Livorno sfiancato nel morale cerca e trova il gol della bandiera su rigore all'87' con Paulinho pressato da Piccini, ancora una volta super nella fase di spinta ma da affinare in fase difensiva. Da censurare gli insulti rivolti da Paulinho a Iacobucci dopo il rigore realizzato, così come l'entrata a gamba tesa – da rosso – dello stesso attaccante corteggiato in estate da Nelso Ricci che l'arbitro Ciampi decide di non punire al 90', un secondo prima di decretare la fine di una partita che, comunque andrà il campionato, consegna alla storia del club bianconero ed a tutti i suoi tifosi un'emozione senza precedenti.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

La presidente dell'Associazione Titolari di Farmacia della Provincia della Spezia, Elisabetta Borachia ascoltata oggi in commissione consigliare. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
di Elena Voltolini - Dopo la delibera provinciale, parola ai Comuni soci. Oggi il passaggio in Commissione, il 29 aprile la modifica dello statuto approda nel Consiglio comunale spezzino. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa