Pacifisti in piazza contro il salone navale spezzino In evidenza

La manifestazione sabato 25 gennaio in piazza Mentana.

Giovedì, 23 Gennaio 2020 08:44

"Il blitz del presidente Trump per uccidere il generale iraniano Soleimani, il vicecapo di una milizia irachena ed altri sei militari iraniani, è un crimine di guerra compiuto in violazione della sovranità dell'Iraq. Le vittime innocenti dell'aereo civile abbattuto "per errore" da un missile lanciato dai militari iraniani dimostrano una volta di più che la guerra è un flagello per tutti, nessuno può chiamarsi fuori, siamo tutti coinvolti.

Iraq, Iran, Siria, Libia, Yemen: cambiano gli attori, si scambiano i ruoli, ma la partita è la stessa. Nella crisi del vecchio ordine internazionale, potenze regionali e globali si contendono con la guerra aree di influenza sulla pelle delle popolazioni locali.

Non possiamo stare a guardare. Dobbiamo gridare il nostro no alla guerra, alla sua preparazione, a chi la provoca per giustificare la produzione e la vendita di armi. Guerre che, in ogni momento, possono fare da miccia ad un conflitto globale tanto più preoccupante per il potenziale degli armamenti nucleari oggi a disposizione dei potenti del mondo.

Quel che sta avvenendo nel Golfo Persico, aggiungendosi alle sanguinose guerre e alle crescenti tensioni in corso, mette in luce la drammatica attualità e il vero realismo dei ripetuti ma inascoltati appelli di Papa Francesco e di numerosi leader religiosi per l'avvio di un processo di disarmo internazionale equilibrato.

Esprimiamo il nostro sostegno alle popolazioni, vere vittime delle guerre, a chi manifesta per la democrazia e i diritti a Baghdad a Teheran, da Beirut ad Algeri, da Damasco, al Cairo, a Gerusalemme, a Gaza.

L'UE, nata per difendere la pace, deve assumere una forte iniziativa che – con azioni diplomatiche, economiche, commerciali e di sicurezza – deve adoperarsi per interrompere la spirale di tensione e costruire a una soluzione politica, rispettosa dei diritti dei popoli, dell'insieme dei conflitti in corso in Medio Oriente e avviare una rapida implementazione del Piano Europeo per l'Africa (Africa Plan) accompagnandolo da un patto per una gestione condivisa dei flussi migratori.

Fermare la spirale di violenze è responsabilità anche italiana. Per questo chiediamo al nostro Governo di farlo con atti concreti:

• opporsi alla proposta di impiego della Nato in Iraq e in Medio Oriente;

• negare l'uso delle basi Usa in Italia per interventi in paesi terzi senza mandato ONU;

• bloccare l'acquisto degli F35;

• fermare la vendita di armi ai paesi in guerra o che violano i diritti umani come sancito dalla L. 185/90;

• ritirare i nostri soldati dall'Iraq e dall'Afghanistan, richiedendo una missione di peace-keeping a mandato ONU ed inviare corpi civili di pace;

• adoperarsi per la sicurezza del contingente italiano e internazionale in missione UNIFIL in Libano;

• aderire al Trattato per la messa al bando delle armi nucleari eliminandole dalle basi in Italia;

• sostenere in sede europea la necessità di mantenere vivo l'accordo sul nucleare iraniano implementando da parte italiana ed europea le misure di revoca dell'embargo;

• porre all'interno dell'Unione europea la questione dei rapporti USA-UE nella NATO.

Per tutto questo invitiamo ad aderire ed a partecipare alla "Giornata di mobilitazione internazionale" di sabato 25 gennaio 2020 promossa dal movimento pacifista statunitense contro la guerra, che per noi sarà una grande mobilitazione contro tutte le guerre e tutte le dittature, a fianco dei popoli che si battono per il proprio futuro. L'appuntamento alla Spezia è in Piazza Mentana dalle ore 16.00.

Per le associazioni del territorio spezzino, la giornata sarà un momento anche per rilanciare le iniziative di "Riconvertiamo Seafuture" e per sensibilizzare la popolazione riguardo a "Seafuture", il salone navale che si terrà all'Arsenale militare della Spezia dal 23 al 27 giugno prossimi. Nel corso degli anni, Seafuture è stato trasformato in evento per promuovere sopratutto gli affari del comparto militare navale ed in particolare la vendita delle navi dismesse dalla Marina Militare italiana.

La manifestazione è promossa alla Spezia dalle seguenti associazioni e realtà: ACLI, ANPI, Archivi della Resistenza – Circolo Edoardo Bassignani, ARCI, Articolo Uno, Associazione L'Alveare, Associazione Culturale Mediterraneo, Associazione di solidarietà con il popolo Saharawi, Chiesa Battista, Chiesa Metodista, Cittadinanzattiva, Comitato Acquabenecomune, Emergency, Gruppo di Azione Nonviolenta, Informazione Sostenibile, Legambiente, Libera, Magazzini del mondo, Rete Italiana per il Disarmo, Rifondazione Comunista, Sinistra Italiana, Unione Degli Studenti.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Secondo appuntamento con il Carnevale spezzino. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa