massardo kassamatis massardo kassamatis
TOTI SANSA MASSARDO SALVATORE CASSIMATIS
CHIAPPORI CARPI  VISIGALLI BENETTI RUSSO
383.053
265.506 16.546 6.088 1.244 3.569 576 1.129 3.165 1.614
 56.13%   38.90% 
  2.42% 0.89%
  0.18% 0.52%  0.08%  0.17%  0.46%  0.24% 

REGIONALI 2020

AGGIORNAMENTO IN TEMPO REALE 

I Carabinieri forestali indagano sull'uccisione di un Gabbiano reale per un colpo da arma da fuoco In evidenza

il responsabile del gesto è punibile con 2 anni di detenzione e 13.000 euro di ammenda.

Martedì, 23 Giugno 2020 12:25

I militari della Stazione Carabinieri Parco Cinque Terre hanno recuperato e sottoposto ad accertamento autoptico un Gabbiano reale, morto per lesioni da arma da fuoco ed indagano per identificare il responsabile dei reati.

Avvisati dal proprietario del terreno, in data 9 giugno 2020 i militari della Stazione Carabinieri "Parco" Cinque Terre recuperavano, in prossimità dell'abitato di Monterosso, un Gabbiano reale morto. Da un primo esame visivo escludevano che la causa del decesso potesse essere naturale, per la presenza nel petto di una ferita simile al foro d'entrata di un proiettile di piccolo calibro, per cui sottoponevano l'animale ad esame autoptico eseguito dall'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte e della Liguria, che attribuiva la causa di morte a lesione traumatica con perforazione cardiaca da arma da fuoco.

L'uccisione non per scopo venatorio dell'animale, appartenente a fauna protetta, è avvenuta a breve distanza da civili abitazioni, dove è vietato provocare esplosioni pericolose, all'interno del Parco Nazionale delle Cinque Terre, dove sono vietati l'introduzione di armi, la cattura, il disturbo, il danneggiamento e l'uccisione delle specie animali. Considerati i reati commessi, la pericolosità dell'azione compiuta in prossimità di strade e case cittadine, il danno arrecato al patrimonio indisponibile dello stato, quale è la fauna selvatica, i militari hanno notiziato l'Autorità Giudiziaria ed indagano per identificare il responsabile del gesto, punibile con 2 anni di detenzione e 13.000 euro di ammenda.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Ancora una fase perturbata sulla Liguria con piogge, temporali anche forti, venti in rinforzo e mareggiate intense in particolare sul Levante. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Costantino Eretta si toglie la veste da candidato e torna vicesindaco di Sarzana, ma commenta i risultati della tornata elettorale: "Buon risultato per il partito e ho triplicato il consenso… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa