Cittadinanzattiva: "Gratarola ci dica, ASL per ASL, quanti posti letto in più sono stati attivati "

La nota di Cittadinanzattiva - Tribunale per i diritti del malato: "Basta parole al vento".

Venerdì, 27 Novembre 2020 10:43

"La notizia è di questi giorni, a fronte della segnalazione del sindacato dei medici ospedalieri sui rischi di sovraffollamento per emergenza Covid, c’è la dichiarazione di Angelo Gratarola, responsabile del Dipartimento regionale di Emergenza Urgenza e componente della task force ligure per l’emergenza Covid-19: “Non c’è nessun rischio di collasso del sistema – spiega – e tantomeno una saturazione di posti letto nei reparti di malattie infettive, pneumologia e medicina interna. Anzi, in tutti questi reparti abbiamo posti liberi, per pazienti sia covid che non covid", così in una nota inviataci da Cittadinanzattiva - Tribunale per i diritti del malato.

"Ma è mai possibile che super stipendiati esperti parlino solo per frasi autoreferenziali e che non significano nulla?"

"Se sono esperti e scienziati devono fornire i dati, non bastano le parole. Ci dica Gratarola, ASL per ASL, quanti posti letto in più sono stati attivati nelle terapie intensive e in area medica e quali sono gli indici di occupazione; quante GSAT attivate e funzionanti; quante unità mediche ed infermieristiche assunte; quanti soldi ricevuti dallo Stato e quanti riversati in risorse in ogni singola ASL".

"E' una questione di trasparenza e di democrazia, visto che si sta discutendo della salute di tutti e con i soldi di tutti.

Peraltro, dai dati del Ministero della Salute (QUI) aggiornati alla data del 15.11.2020 – la Regione Liguria risulta avere una percentuale del 53% di saturazione di posti letto in terapia intensiva e un 74% di saturazione dei posti letto in area medica. Sulla base della categorizzazione, sono dati piuttosto seri e che confermerebbero la denunzia dell’Anaao - Assomed (la categorizzazione : Probabilità di raggiungere soglie di occupazione posti letto: Viene introdotto il dato stimato a 1 mese in base all’Rt di ospedalizzazione sulla probabilità di raggiungere le soglie previste negli indicatori 3.8 e 3.9 relative al tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva ed area medica qualora si mantengano le condizioni osservate nella settimana di monitoraggio corrente. Viene fornito il dato categorizzato come segue: 50%).

Quindi, caro Gratarola, ci dia i dati che ci possano far comprendere che gli allarmi dei medici e i dati del Ministero della Salute sono superati e volgono verso il miglioramento. Basta parole al vento. Altrimenti taccia per favore".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

I ristoratori, tra le categorie più colpite a causa delle restrizioni per l'emergenza da Covid-19, in una cena simbolica in hotel per dimostrare che è possibile cenare in sicurezza. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa