Pasqua amara per uno stalker: arrestato dai Carabinieri di Santo Stefano In evidenza

Emessa l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per violenza di genere. 

Lunedì, 05 Aprile 2021 16:28

Ieri mattina i Carabinieri della Stazione di Stefano di Magra, a conclusione di un’indagine che ha interessato la zona adiacente il locale scalo ferroviario, hanno arrestato un cittadino marocchino residente in Lunigiana, già noto alle forze dell’ordine per una serie di reati, raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere perché gravemente sospettato di violenza sessuale e atti persecutori nei confronti di una sua connazionale, con la quale aveva avuto una relazione sentimentale.


Lo scorso marzo la donna si era rivolta ai Carabinieri di Santo Stefano di Magra e aveva denunciato che l’uomo, non riuscendo a sopportare l’idea di essere stato da lei lasciato, da tempo la perseguitava con telefonate anche minacciose e offensive, pedinandola per cercare di convincerla a riallacciare il rapporto. La situazione aveva causato ansia nella donna, che aveva anche iniziato a temere per la propria incolumità.


Lo stalker non aveva accettato la decisione della donna, continuandola a recarsi nei luoghi da lei frequentati, cercando un contatto e mantenendo atteggiamenti persecutorii. La donna aveva più volte la stessa richiesto l’intervento dei Carabinieri, al cui arrivo l’uomo si era sempre allontanato velocemente.


Stante il perdurare dei comportamenti persecutori, i Carabinieri, a tutela della donna, hanno richiesto all’Autorità Giudiziaria di valutare l’emissione di provvedimenti che evitassero il rischio di fatti peggiori ed il magistrato, valutati i fatti, ha emesso a carico dell’uomo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Dopo numerosi servizi, i Carabinieri di Santo Stefano hanno rintracciato il maghrebino il giorno di Pasqua nei pressi della stazione ferroviaria e, dopo averlo tratto in arresto, lo hanno accompagnato in carcere, dove rimarrà in attesa dell’interrogatorio. L’uomo è stato peraltro sanzionato anche per violazione delle norme anti COVID-19, visto che aveva violato la zona rossa.


I Carabinieri e le Operatrici del Centro Antiviolenza “MAI PIÙ SOLA” di Sarzana, che hanno supportato la vittima, invitano tutte le donne a denunciare tempestivamente alle Forze dell’Ordine le situazioni di pericolo riconducibili ai reati di violenza di genere.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

In totale i casi nello spezzino sono 231. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
di Alessio Boi – Si scalda l’atmosfera per il piccolo borgo di Castelnuovo Magra. L’estate è alle porte e gli eventi per grandi e piccoli sono pronti: dalle passeggiate, alla… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa