Chiude alla Spezia il Monte dei Pegni, i sindacati si fanno sentire In evidenza

In giorni come questi, di estrema tensione e frenesia per tutta la categoria dei bancari a seguito dell'anticipata disdetta del CCNL da parte di ABI, Carispezia ha ufficializzato alle organizzazioni sindacali una decisione altrettanto clamorosa e inaspettata la chiusura del Monte dei Pegni di via XXIV Maggio.

Sabato, 21 Settembre 2013 10:09

I Sindacati contestano la scelta dell'Azienda, dal forte impatto storico e sociale. Storico perché, con un semplice avviso affisso in tutte le filiali Carispezia da metà settembre, si informano i clienti che la Banca non effettuerà più il servizio di "credito su pegno", attività che svolge da 171 anni: infatti era il 1842 quando la Cassa di Risparmio veniva eretta alla Spezia, unita al preesistente Monte di Pietà, fondato a sua volta nel maggio del 1597!
Pertanto la Banca, oggi all'80% controllata da Cariparma Crédit Agricole, decide di porre fine ad un'istituzione secolare, patrimonio della città.

 

Sociale perché viene meno un servizio utile, spesso vitale, soprattutto per quelle fasce più disagiate, ma anche, dall'inizio della crisi economica, per quelle appartenenti al "ceto medio", che sono costrette ad impegnare i propri beni, spesso ricordi di una vita.
Con la crisi economica che imperversa e la disoccupazione che avanza, non si poteva scegliere momento peggiore per decidere di abbassare la saracinesca all'unico Monte Pegni della provincia.
Venendo meno un presidio di legalità, che riveste un ruolo sociale importante, prevediamo che alle persone in difficoltà non resti altra scelta che rivolgersi a soggetti o strutture non trasparenti e spesso legate ad attività criminali, con conseguenze che ricadranno sulla comunità tutta.

Abbiamo appreso con piacere e sosteniamo un progetto come quello del "Microcredito", annunciato nei giorni scorsi dalla Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia, da Carispezia e dalla Caritas a sostegno dei soggetti in difficoltà, ma, allo stesso tempo, siamo convinti che un'iniziativa di questo tipo avrebbe potuto coesistere col servizio del Monte dei Pegni, anche perché difficilmente col "Microcredito" si potrà raggiungere il bacino di utenti che fino a ieri si rivolgevano al nostro ufficio di Via XXIV Maggio.

Per i motivi sopraesposti, non siamo assolutamente d'accordo con il percorso di cessazione intrapreso dall'Azienda e chiediamo un forte coinvolgimento delle Istituzioni Locali perché non sparisca dalla città un così importante strumento di supporto sociale.

Le Segreterie Provinciali
FIBA CISL - FISAC CGIL - UILCA

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da CGIL

Assemblea on line della Fp Cgil. Leggi tutto
CGIL
La netta opposizione dei sindacati. Leggi tutto
CGIL

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa